zena@francobampi.it
Inder
Gazzettino Sampierdarenese
Anno XXXIX - N. 3 31 Marzo 2011

Parlle de Zena

Monete

Moneta si dice mona, ma anche palnca, din (denaro) e sdo (soldo). Prima della guerra cerano ancora i ctti (centesimi), oggi ritornati con leuro, e sebbene esista la parola la (lira), i genovesi preferivano chiamarla frnco: un frnco era composto di nto ctti. Cominciando dai tagli pi piccoli si aveva la palnca che valeva nque ctti, quindi do palnche erano dxe ctti. Poi cera la mza mtta che valeva vnti ctti e la mtta che ne valeva quarnta. A crescere si aveva il cavorn (cavurrino, da Cavour), che valeva do frnchi (due lire), seguito dallo sco (scudo) del valore di inque frnchi e dai do sci che, ovviamente, ne valevano dieci. Gli spiccioli si dicono menuggia e i rotti della moneta, quello che non arriva a fare un intero, si chiamano biscso o, pi comunemente, bischrso. Nel dopo guerra alcuni nomi sono sopravvissuti per denotare le monete della Repubblica italiana; in particolare frnco rimasto per indicare la la, parola usata raramente, e mandato in pensione con leuro. Si diceva ancora un sco per le cinque lire e do sci per le dieci lire. Gli altri erano ovvi: inquanta frnchi, ento frnchi, mlle frnchi; poi inquemlla frnchi e, per i puristi, anche inque mi le e via a crescere. Per i ragazzi, che parlavano italiano, ci fu labitudine di chiamare le cento lire fetta (cinque fette cio cinquecento lire) e le mille lire sacco (dieci sacchi erano diecimila lire), nomi che potevano variare da quartiere a quartiere.

Sta mona a dvse fsa: a no cicca bn

Franco Bampi

Tutte le regole di lettura sono esposte nel libretto Grafa ofii, il primo della serie Bolezmme, edito dalla Ses nel febbraio 2009.

Frutta autunno-inverno
Cose da contadini
Acqua e fango
Mare/male
Cose da ladri
Lavoro
Spazzatura
In villa
Pesci
Maschile e femminile
Parolle veraci
Numeri
Preti
Religione
A scuola
Botteghe
Reti da pesca
Crolli
Giochi d'azzardo
Carnevale
Sposi
Bambini e ragazzi
Panvocliche in zenize
Palindromi zeneixi
Mezzi di trasporto
Acqua e tubature
Consonanti finali
La Repubblica di Genova
Vocali aperte e chiuse
Neve
Giocare all'aperto
Zug a Lua
Locuzioni avverbiali
Vocali lunghe e corte
La gente
False alterazioni
Parole in disuso
Falegname 2
Troncamento
Monete antiche
Monete
Muratori
Parole difficili
Parole facili
Inglesismi
Il gioco del calcio
La notte bianca
Estate
Frutta
Parole in -e
Parole dimenticate
L'acqua
Il Bucato
Parole in -eu
Il pranzo di Natale
Cognomi
Colori
Cose da bambini
Carrucole
Carte da gioco
Spagnolismi
La farina
Parole in -so
Le noci
Natale
Porte e finestre
Bambinese
La castagna
I parenti
Le imbarcazioni
Il bosco
In cantina
I quartieri di Genova
Le Casacce
L'orlo
Nota sulle "vegette"
Le parole del Natale 2
In ufficio
Pesci
Sapori ed erbe
Parole in -gion
Cose da sarti
Pugni e sberle
In cucina
Falegname
Uccelli
Arabismi
Dormire
Malattie
Giochi e giocattoli
Strumenti musicali
Insetti
Vestiti
Corpo umano
Regole di grafia
Pasta
Mettesi
Pentole e secchi
Legumi, pasta, farina
Attenti all'italiano!
Francesismi
Alberi e piante
Comprare il cibo
La cucina
Le parole di Pasqua
La casa
Nomi astratti
Le parole del Natale
Essere...
I rumori
Le parole dell'uva
Italianismi

Inder