Intr > A lngoa > Proposte di atri in sci grafia > Provincia di Genova

[Steva De Franchi] [Gian-Giacomo Cavalli] [Olivieri] [Casaccia 1851] [Paganini] [Bacigalupo] [Casaccia 1876] [Gazzo] [Gazzo - Chiave ortografica] [Gazzo - Voci omofone] [Gazzo - Spiegazioni di parole] [V. D. M.] [Gismondi 1955] [Gismondi 1949-1974] [Schmuckher] [De Andr] [Petrucci] [Costa] [De Carlo] [C. P. P.] [a parma] [Toso] [(Toso ?)] [VPL 2-II] [ VPL ] [ Conrad ]

(Fiorenzo Toso ?)
Per conoscere il genovese
Provincia di Genova,
Assessorato al Turismo, Recco 1998?

[Il suono delle vocali] [] [u e eu] [o] [] [] [u] [] [nn- e n] [s] [scc] [x] [z]


Regole per leggere il Genovese

Gli esempi sono riportati in due forme: con la grafia tradizionale (in carattere corsivo), e con la grafia figurata (fra parentesi quadra) per avvicinare - chi non conosce il Genovese - alla pronuncia corretta.

[inizio pagina]

Il suono delle vocali
- lungo, quando sono scritte con la diresi (, , , , ) o con l'accento circonflesso (, , , , ), per esempio: cao [ku] "caro"; durm [durm] "dormire";
- lungo, quando sono seguite da gh, r, v, x, z semplici e non raddoppiate, per esempio: lago [lgu] "lago"; cro [kru] "carro".

Il suono della e generalmente chiuso, tranne davanti a r; ma se segnata con l'accento grave (), il suono aperto, per esempio: pnsighe [pnsighe] "pensaci". La consonante doppia si pronuncia in modo leggero e rapido, mai calcato, per esempio ratto [ratu] "topo", merelli [mereli] "fragole", imma [sima] "cima".

(Occorre segnalare che nel genovese cittadino "pensighe" si legge inequivocabilmente con la e stretta. Si confronti con quanto documentato da Magister, ndr)

Attenzione:

[inizio pagina]

si legge come e dal suono aperto e lungo, esempio: gua [egua] "acqua"; quando si trova alla fine della parola, si legge accentato, per esempio: an "andate";

[inizio pagina]

u e eu si leggono come in Francese, per esempio: feugo [fgu] "fuoco", cu [k] "cuore"; quando si trovano alla fine della parola, si leggono accentati, per esempio: raieu [rai] "ravioli";

[inizio pagina]

o si legge come u italiana, per esempio: onda [unda] "onda", amigo [amigu] "amico";

[inizio pagina]

si legge come o italiana e si pronuncia con suono aperto;

[inizio pagina]

ha un suono lungo che oscilla tra o e u, per esempio: pso [posu] "stantio", ma anche: pso [pusu] "polso";

[inizio pagina]

u si legge come u francese, per esempio: mxica [msgica] "musica", tutto [ttu] "tutto"; ma si legge come u italiana quando fa parte di un dittongo [ou, ua], esempio: portu [purtu] "portato", sguro [sguaru] "fenditura";

[inizio pagina]

si legge come s sorda italiana, per esempio: enn-a [sn-a] "cena";

[inizio pagina]

nn- e n finale si leggono con suono nasale; per esempio: lunn-a [ln-a] "luna", can [kan] "cane";

[inizio pagina]

s si legge come s sorda nell'italiano "sale", per esempio: fso [fsu] "falso";

[inizio pagina]

scc si legge come sc di "uscio" seguita da c di "ciao", per esempio: scciavo [sc-ciavu] "schiavo";

[inizio pagina]

x si legge come j francese, per esempio: baxo [basgiu] "bacio";

[inizio pagina]

z si legge sempre come s sonora nell'italiano "casa", per esempio: zenoggio [sengiu] "ginocchio", cazze [kase] "cadere".

A Tore do Ppolo a Paxo

[inizio pagina]