Intr > A lngoa > Proposte di atri in sci grafia > V. D. M.

[Steva De Franchi] [Gian-Giacomo Cavalli] [Olivieri] [Casaccia 1851] [Paganini] [Bacigalupo] [Casaccia 1876] [Gazzo] [Gazzo - Chiave ortografica] [Gazzo - Voci omofone] [Gazzo - Spiegazioni di parole] [V. D. M.] [Gismondi 1955] [Gismondi 1949-1974] [Schmuckher] [De Andr] [Petrucci] [Costa] [De Carlo] [C. P. P.] [a parma] [Toso] [(Toso ?)] [VPL 2-II] [ VPL ] [ Conrad ]

A PARMA
Regole di lettura
Le Mani, Recco (1996)

[dieresi e circonflesso] [vocali e consonanti] [accento tonico] [] [e] [eu] [o] [u] [] [nn- e n] [s] [scc] [x] [z] [altro]


Criteri di lettura

    

Le opere in genovese di autori contemporanei pubblicate nella collezione a parma sono scritte nella versione normalizzata della grafia tradizionale. I criteri di lettura sono i seguenti:

[inizio pagina]

- Le vocali sovrastate dalla dieresi o dal circonflesso sono sempre lunghe; la e con dieresi o circonflesso sempre chiusa.

[inizio pagina]

- Le vocali che precedono una consonante scritta doppia sono sempre brevi. Se toniche, sono di norma lunghe davanti a x e r, di norma brevi davanti a sc(i), m e n. Le consonanti scritte doppie si pronunciano scempie.

[inizio pagina]

- L'accento tonico segnato sulle parole tronche (tranne quando finiscono in -n, -, -eu), sulle sdrucciole e sulle piane che finiscono in -n, -a/-e, -o/-i, -a/-e, -o/-i; non segnato, in queste posizioni, quando la vocale sia gi sovrastata da un segno di lunghezza.

[inizio pagina]

- Il digramma si legge come una e aperta e lunga, e in fine di parola sempre tonico.

[inizio pagina]

- La e in genere chiusa, ma davanti a -nn-, -r-, nei dittonghi e quando sia sovrastata dall'accento grave, sempre aperta.

[inizio pagina]

- Il digramma eu si legge come in francese, e in fine di parola sempre tonico.

[inizio pagina]

- La o senza dieresi si legge, salvo rare eccezioni, come u italiano; quando sovrastata dall'accento grave si legge sempre come o aperta; quando sovrastata dall'accento acuto si legge u; quando sovrastata dalla dieresi si pu leggere come u o come o lunghe.

[inizio pagina]

- La u si legge sempre come u francese, tranne quando fa parte di un dittongo, nel qual caso ha valore di u semiconsonantico.

[inizio pagina]

- La etimologica si legge come la s dell'italiano sera.

[inizio pagina]

- La nn- e la -n finale si leggono con articolazione velare.

[inizio pagina]

- La s sorda (italiano sera) all'inizio di parola, quando doppia e quando segue una vocale lunga segnata con dieresi; altrimenti sempre sonora (italiano rosa).

(Va segnalato che, come afferma il Gismondi, la s posta all'inizio di parola e seguita dalle consonanti b, d, g, l, m, n, r, v, sempre sonora, ndr)

[inizio pagina]

- Il gruppo scc- si legge come la sci di uscio seguita dalla c di ciao.

[inizio pagina]

- La x si legge come la j del francese jour.

[inizio pagina]

- La z, doppia o semplice, si legge come la s sonora dell'italiano rosa.

[inizio pagina]

- In tutti gli altri casi, il genovese si legge in maniera analoga all'italiano.

[inizio pagina]