Propste di tri in sci grafa

[ De Franchi ] [ Cavalli ] [ Olivieri ] [ Casaccia 1851 ] [ Paganini ] [ Bacigalupo ] [ Casaccia 1876 ] [ Gazzo ] [ Gazzo - chiave ortografica ] [ Gazzo - Voci omofone ] [ Gazzo - Spiegazioni di parole ] [ V. D. M. ] [ Gismondi 1955 ] [ Gismondi 1949-1974 ] [ Schmuckher ] [ De Andr ] [ Petrucci ] [ Costa ] [ De Carlo ] [ C. P. P. ] [ A prma ] [ Toso (1997) ] [ (Toso ?) ] [ VPL 2-II ] [ VPL ] [ Cnrad Montpett ]

Da snpre se disctte in sc qu a sgge p-u zenize a scrita ci cortta, armno qulla ch'a convn de ci. A sitoain e e dificort che scirtan fua sn mostr e msse in cio, into mddo che slo l o l' bn a f, da Pddre Anglico Gzzo inte l'Illustrazione della chiave ortografica, ch'a s'attruva inta Premessa a-a seu traduin in zenize da Divnn-a Comdia de Dante Alighieri. O Gzzo o scrve:

Ortografia vale retta scrittura, e tale non pu essere, se non dispone dei necessarii caratteri onde rappresentare i suoni tutti di un linguaggio, senza confusioni n deficienze. Or siccome all'Alfabeto latino tali segni fanno difetto, la vera ortografia, per tutte le lingue che se ne giovano, non esclusa l'italiana, un pio desiderio. Fin da principio gli Scrittori si son trovati alle prese con due difficolt, per la convenienza di rappresentar i suoni senza tradire l'etimologia dei vocaboli. Di qui due metodi che combattono per la prevalenza: l'etimologico poco curante della rappresentazione fonetica, facendo assegnamento sulla pratica del lettore; il fonetico che, viceversa, si attiene a questa, lasciando agli intelligenti la ricerca dell'etimologia. Il meglio che per conciliarli si potuto escogitare di allontanarsi il meno possibile dal primo, giovando al secondo con accenti e con nessi di lettere regolati da norme pi o meno fisse, a ciascun idioma speciali. Per ci che concerne l'italiano basti rammentare le assennate proposte del Petrocchi e divulgate co' suoi Dizionarii, per agevolare la precisione della pronunzia che importa all'unit della lingua, e importa alla scienza. L'idioma che meno pensiero si sia preso della rappresentazione fonetica (ma che con gran cura vi provvede nelle scuole) l'inglese; e qualcosa di simile avvenuto nel nostro. La ortografia genovese sempre stata oscillante fra i due metodi, variando nel corso dei secoli secondo il gusto degli scrittori; come si vede confrontando le diverse edizioni di un medesimo autore, l'ortografia del secolo XVI con quella del XVIII (Gerusal. deliver', Cavalli, ediz. 1665 e 1745, De Franchi ecc.) e con le diverse del secolo XIX, fra cui quelle della Stamperia Casamara, del Sci Tucca, dell'Olivieri, del Piaggio, del Randaccio; n guari persuade il metodo del Casaccia, perch qua e l incerto e poco razionale, onde in pi parti riesce inferiore all'antico del De Franchi e della Gerusalemme. Infatti nessuno segue appuntino il suo Vocabolario, e tutti vi fanno qualche strappo, principalmente in ci che riguarda l'accentatura.
Ci avviene perch, mentre ogni lingua a poco a poco, s' foggiata quell'ortografia che meglio le si conf, al genovese, che se la veniva foggiando, fu strappato di mano il lavoro, per adattargli l'ortografia dell'italiano, con qualche rabberciamento. Eppure il genovese ha suoni, modulazioni, rafforzamenti, note rapide e note sostenute; una fonologia tutta propria cui mal pu rappresentare l'ortografia toscana. Ma non tutto quel che converrebbe si pu avere, e ormai giacch o bene o male gli si adattata l'ortografia italiana, e a questa avvezzo l'occhio dei lettori, a questa conviene acconciarsi.

Quxi pe mostr d'se d'accrdio con qunte sostegno da Pddre Gzzo, o Gaitn Frixn inta Premessa a-o seu Dizionario moderno genovese / italiano e italiano genovese, Donath, Genova, 1910, o scrive:

L'ortografia seguita quella in massima usata dai nostri poeti dialettali moderni (il Piaggio, il Bacigalupo, il Malinverni, il Rapallo e il Tessada).

E, cmme se no ghe ne fse absta, o Vito Elio Petrucci inta seu Grammatica sgrammaticata o dxe 'na csa ch'a ne doviiva f apens:

Normalmente l'eleganza e l'importanza ad un linguaggio sono date dalla presenza del minor numero di segni diacritici (accenti e simili). Una loro puntigliosa presenza, esclusa ovviamente la grafia fonetica nella quale sono unit di misura, normalmente caratterizza i dialetti, le parlate locali. Una lingua o un dialetto scritto che abbia acquistato velleit letterarie li limita a casi dubbi e ad esigenze specifiche.

Dte quste cse chi, bezugna pigi ntta che i do mtodi indic da-o Gzzo sn ancn in conpetiin. Pe fortnn-a ua gh' l'Acadmia Ligstica do Brnno ch'a l' forno a grafa ofii ch'a l' qulla che duvio chi con ttti i acnti che ghe veu.

Qunto a l'rtografa, co-o mscimo
risptto pe-o Casssa, pe Frixn e
Gismndi, l'Annimo e o Stampu n
fto qurche vtta de tsta s,
aprofitndo che, pe fortnn-a, o nstro
dialtto o no l' stto ancn codificu
cmme voriiva quarchedn (e saiiva
cmme coltiv inte 'na sra e rbe
sarvghe di nstri mnti).

Mimmo Guelfi
rbe sarvghe
Le Mani, Recco, 1999.

Ma no bezugna scordse do pasu; cosc, pe chi ghe n' co, mi riprto inte pgine chi stta cs'n dto in sci grafa do zenize i vri to copindo qullo che litri n scrto: pe qusto ttte e pgine sn in italin.

Inta lsta gh' msso asc a grafa do grnde Fabrsio De Andr perch l' cio che no psso ascordme da seu pera de difuxn do zenize. Tra l'tro, vsto che l o l'a bn bn conoscio e ch'o l' avo un grn sucsso inta seu ativit de cantnte, a seu scrita, scibn ch'a no scce ne de mi ne de ti, a l' fscia a ci conoscia tra ttte e grafe ch'n stte propste into crso di scoli! Pe ofr mi asc un aregrdo de 'n grnde artsta ch'o l' cantu Zna in italin e sorviattto inta nstra blla parl, pensu bn de dedic 'na pgina a-a grafa duvi da-o Fabrsio. Pe fin insero 'na conescin vrso a Grafia in U do Cnrad Montpett o qu, bezugna riconscilo o s' dto in grn daf pe-a nstra lngoa zenize.