Intr > A lngoa > Proposte di atri in sci grafia > Gazzo - Voci omofone

[Steva De Franchi] [Gian-Giacomo Cavalli] [Olivieri] [Casaccia 1851] [Paganini] [Bacigalupo] [Casaccia 1876] [Gazzo] [Gazzo - Chiave ortografica] [Gazzo - Voci omofone] [Gazzo - Spiegazioni di parole] [V. D. M.] [Gismondi 1955] [Gismondi 1949-1974] [Schmuckher] [De Andr] [Petrucci] [Costa] [De Carlo] [C. P. P.] [a parma] [Toso] [(Toso ?)] [VPL 2-II] [ VPL ] [ Conrad ]

Padre Angelico Federico Gazzo
La Divina Commedia tradotta in genovese
Genova, 1909

ESEMPI DI VOCI OMOFONE
DISTINTE DALL'ACCENTATURA

a la; la (accusativo); a' alla; a ala; ha-a aveva; e cos altri verbi della 1a con.

am amare; am amata; am-a amarla; e cos tutti i verbi regol. della 1a con.

ama amara.

ami mirare; ami amer; amii guarder e guardala.

banc' cassone; banca' falegname.

banc banca piena di...

barcn finestra; brcn barcone.

c casa; ca calata; c egli cala; ca' ghigna.

ca cara.

co caro; cao cavo, capo.

ggia ciglio; sggia, segge secchia-e; sgge sia.

ea cena; a (verbo) en cenare; sen senata.

a tordo marino; sa serena.

ca coda; ca cola.

co' coratella; co colare; co colata; cu'a con la.

c colore; cu'o col; plur. co, cu'i.

cu coro; cu cavolo.

cu voglia; qu quale, -i; co colati, -e.

da da; d d (verbo); da' dalla; d dare; d dar.

de di; de' deve; D Dio.

di di; d d; d dire; d dici, di' tu, dite.

d dir; da' ditale; di' ditata.

dme dirmi; dme ditemi.

do dito; Dio Dio.

do dolori; do dolere; du due.

e le, ed, le (accus.); ; ti t' tu sei.

f fare; f far; f faggio; f far.

i i; gli (accus.).

ing ingolare; ingu' eguale.

law lavoro; lw lato.

lze leggere; leze egli legge.

l loro; l' lupo.

ma ma; m malam.; ma' il male; m' mare.

od; h ho; h oh!

o il; lo (accus.).

pa' pajo; p', paa pala; p pare.

p piede; pe' e per le.

pe pelare; pe pelata; pe' a per la; pea' mondina.

pe rappezzare; pessa' pedata.

r r; r' rete.

rebblli straccioni; reblli ribelli.

ro ruscello; ro rido; re ridere; re ride, rive.

s sa; qua; sa' sale; s sar (per saj).

s sia, sarebbe, sai; s' sete.

sayva sapeva; sayva saliva, sarebbe.

san sano; sn sanno; sn, san saranno; s'han s'hanno.

schena' schenale; schen' schienata.

sa seta; sa setola.

sn sani; s'en si sono; sen seno; sen sereno; en cenerino.

sze sedere; seze siede; sze pruni.

'sta questa; st st. St stare; st star.

s suoi, sue; s' sorella, -e, suolo.

t tuoi, tue; t' tronco dell' albero ecc.

ven viene; vn vedono.

vnde vendere; vende vende; e cosi nei verbi della 2a coniugaz. tesce, crsce, vy, tmme, aznze ecc. Se la vocale sostenuta e stretta, giova il circonfl. per l'infin. e la dieresi, o la posizione stessa, per le altre flessioni: lze, rde, vve, espe ecc., disctte (inf.), disctte egli discute ecc. Manca il segno per distinguere in simili casi quelli con l' aperta, o coll': rne, mve, cive, e le sdrucciole: distngue. Per l'o aperto e sostenuto giova la dieresi per l'inf., e l'acc. grave per ]e flessioni: tre, tre; accrze, ecc. Ma del resto il senso si coglie facilmente dal contesto; e da questo come dagli articoli, pronomi ecc. si distinguono altre voci che gi richiedono l'accento: eccone alcune:

ca cara, cala verb., spiaggia.

co caro, cavo, promontorio.

ce cote, code; fw fal, fatto.

cccia (nom. e verb.); pey pero, -a, pelo, -i; s suo, s.

pa' pala, paio; pommo da poy o da poli; lscia veltro e verbo ecc. E cosi alcuni alberi di frutta e il loro frutto che al sing. sono entrambi maschili: prsego, my, figo ecc. (La frutta di genere neutro, quindi al plur. prende desin. femin.: prseghe, fighe, meye).

[inizio pagina]