Intr > A lngoa > Proposte di atri in sci grafia > C. P. P.

[Steva De Franchi] [Gian-Giacomo Cavalli] [Olivieri] [Casaccia 1851] [Paganini] [Bacigalupo] [Casaccia 1876] [Gazzo] [Gazzo - Chiave ortografica] [Gazzo - Voci omofone] [Gazzo - Spiegazioni di parole] [V. D. M.] [Gismondi 1955] [Gismondi 1949-1974] [Schmuckher] [De Andr] [Petrucci] [Costa] [De Carlo] [C. P. P.] [a parma] [Toso] [(Toso ?)] [VPL 2-II] [ VPL ] [ Conrad ]

C. P. P.
Carlo Piero Pessino
Moderno Dizionario Rapido
Genovese - Italiano
Italiano Genovese
completo di rimario genovese

Erga edizioni, Genova 1995

[Pronuncia di talune consonanti] [Pronuncia delle vocali] [Nomi] [Articoli] [Aggettivi possessivi] [Pronomi] [Verbi]


ALCUNE AVVERTENZE

[inizio pagina]

PRONUNCIA PARTICOLARE DI TALUNE CONSONANTI

[inizio pagina]

PRONUNCIA DELLE VOCALI

I dittonghi suonano come nell'italiano salvo che nei frequenti casi di impropriet, ossia quando le due vocali creano un unico suono. Quindi:

[inizio pagina]

NOMI

Tutti i nomi comuni che al singolare terminano in e, al plurale non mutano tale desinenza. Esempi: noxe (noce), voxe (voce), croxe (croce), luxe (luce), pelle (pelle), gente (gente) restano uguali al plurale.

I nomi propri di persona in genere sono preceduti dall'articolo, sia al maschile sia al femminile.

[inizio pagina]

ARTICOLI

Osservazione importante. In pratica il femminile unn-a viene quasi sempre ridotto a 'na. Esempio: Ho visto 'na figgia (ho veduto una ragazza).

[inizio pagina]

AGGETTIVI POSSESSIVI

Non usare, n a voce n per iscritto, loro (che in genovese soltanto un pronome!). Il possessivo corrispondente al loro dell'italiano soltanto seu o s.

[inizio pagina]

PRONOMI

Loro, di cui si fa cenno alla voce Aggettivi possessivi, viene usato soltanto - ma assai di rado - in funzione di Voi Signori, Lor Signori, sempre solo al vocativo, e in tono ironico o cattedratico! Per dire il loro figlio, in genovese si dice, e si scrive, seu figgio (o s figgio).

[inizio pagina]

VERBI

Non esiste - da tempo - il passato remoto: viene usato in sua vece il passato prossimo. Esempi: m son andaeto, io andai; l o l'ha rio, egli rise.

In teoria le coniugazioni sono quattro (con l'infinito in , con l'infinito in i, con l'infinito in e atona, con l'infinito in ). Qualche infinito: cant (cantare), poi (potere), vedde (vedere), corr (correre).

Il rapporto fra l'infinito e il participio di moltissimi verbi irregolari variabilissimo, anzi pittoresco.

Per un corretto uso delle voci verbali occorre tener presenti alcuni canoni, sia oralmente sia per iscritto: tra i pi salienti ed importanti, la desinenza di alcune voci verbali. Citiamo, a mo' di esempio, le scorrettezze tuttora sostenute da taluni nel coniugare i noti verbi dire e fare: m dixivo, t ti dixivi, l o dixiva, anzich mi dvo, t ti dvi, l o dva; m faxivo, t ti faxivi, l o faxiva, anzich m fvo, t ti fvi, l o fva.

Regola importantissima, purtroppo sovente trascurata: Quando una voce verbale indicante azione collettiva precede nella frase il soggetto, rimane al singolare. Alcuni esempi: i figgieu cianzan (i bimbi piangono), ma cianze i figgieu; e campann-e seunnan (le campane suonano), ma seunna e campann-e; i sordatti prtan (i soldati partono), ma parte i sordatti; i funzi nscian (i funghi nascono), ma nasce i funzi; i grilli cntan (grilli cantano), ma canta i grilli.

Comunque sono numerosi i tranelli che, in sede di traduzione, incontra chi deve trattare i dialetti genovesi (citt, contado. plaghe litoranee); soltanto una specifica esperienza ne consente - via via che si penetra nel vivo della parlata - un disinvolto superamento. Si arriver anche a constatare che parecchi vocaboli da certuni ritenuti del contado, o viceversa, restano validi in lirica generale in quanto ad efficacia e scorrevolezza espressiva. Rispettare un dialetto non vuol dire farne una tavola pitagorica.

[inizio pagina]