Intr > A lngoa > Proposte di atri in sci grafia > Gazzo - Spiegazioni di parole

[Steva De Franchi] [Gian-Giacomo Cavalli] [Olivieri] [Casaccia 1851] [Paganini] [Bacigalupo] [Casaccia 1876] [Gazzo] [Gazzo - Chiave ortografica] [Gazzo - Voci omofone] [Gazzo - Spiegazioni di parole] [V. D. M.] [Gismondi 1955] [Gismondi 1949-1974] [Schmuckher] [De Andr] [Petrucci] [Costa] [De Carlo] [C. P. P.] [a parma] [Toso] [(Toso ?)] [VPL 2-II] [ VPL ] [ Conrad ]

Padre Angelico Federico Gazzo
La Divina Commedia tradotta in genovese
Genova, 1909

[A] [B] [C] [D] [E] [F] [G] [I] [L] [M] [N] [O] [P] [R] [S] [T] [V] [X] [Z]


SPIEGAZIONE DI ALCUNE VOCI GENOVESI
MENO COMUNI O MENO INTESE FUORI DELLA LIGURIA

[inizio pagina]

Abbigol: arrotolare, avvolgolare.

Abbrttio: abretto (Elba); a iosa, comunque sia.

Abimm-o: inabissare, abisso.

Accaj: aggruppare, legar le funi.

Ao, o: ariete.

Agibbo, assesto (bll'): bona lana.

Agrecco: baldanza.

A kiffo, a zitto, a f: appuntino, precisamente.

Allagnse, destrigse: affrettarsi.

Allecc, aggran, appitto: allettare, alleccornire.

Allev: allevare, tuffarsi (fin a toccare il fondo); levare in barca, tragittare.

Allum, adggi, croz: allumare, alluciare.

Al: prima, avanti.

Ammerm: menomare, diminuire.

Anco, ancn: ancora.

And in eneeta, - revezn, - rzn, - mala, - consumn, - dezvio: andar in dileguo.

Angscia: nausea, -ozo: nojoso.

Ansulla: cocciola (Cfr. ψυλλα pulce).

Antic, tff: puzza.

Appret, arren: metter alle strette; rasentare il muro,
pass, se arrenw.

Appnde, -ozo: affondare, ammelmato.

Appotiflse: poltrire (pta = polta).

Appotignw: cisposo.

rente: vicino (Hreo).

Arf: fiele.

Arrembaggia, mantgna: bracciolo.

Arreo: del tutto (omnino); f ro: far comparita; se da ro: che vale per molti; folletto, nabisso.

Arrs: allontanare, far largo.

Arri: a ritroso, indietro.

Arroz: irrorare.

Ascado: paura, danno.

Ascramanse: scalmanarsi.

Asct: ascoltare (Cavalli).

Asgaj: sprecare.

Assec, -cw: sitire, assetato, sitibondo.

Asso(r)iggise: soleggiarsi.

Assustse, st a susto: ricoverarsi (sub stare).

Astella: stecca, scheggia.

Astriw: malizioso, maligno {stra).

Avante, davante, ante, inante (voci poetiche).

Avo, asbro: abbrivo, l'aire.

Axyo: agevole (di sentiero: Voc. montanino).

Axillo: ruzzo.

Axoo: inacetito.

Azuggi: pinzare; -o: assillo; seccante; pena.

[inizio pagina]

Balordo: acciocchito (fisicam.).

Baccn: padrone, babbo, capo di casa. Femm. baccaa.

Bambord: dar erba trastulla.

B: agnello (lat. bela).

Bce, fricci, ciccigate: bazzecole, fronzoli.

Bdn: carato, (bledo).

Bxn, - (Bavexn): vedi sprun.

Barch: fontana, barchile.

Becca: gancetto.

Bekelletto: ciottolino; frecciata, fardata.

Ble: budella. Remesci e-: rimescolar le-.

Beneyto, benxio: benedetto.

Bo: gora, canale.

Bernio: poltiglia.

Berzgua (v. scottomlla): compagna, (Gerus. V. 60) Monferr.: berzgura veram. una specie di farfalla bruna, che ogni dieci anni circa attacca a sciami le piante fruttifere, con grave danno.

Beskise: tipizzarsi, bisticciarsi.

Beverw, beviw: bvero (v. ligure antichiss.).

Bexo: abete.

Beziggi, sagoggi: affliggere, punzecchiare.

Bezggio: noioso, seccante.

Bisc, cicc: arrovellarsi, dispettare.

Bo': ninnolo.

Bota: staqnata (T. d. tabaccai).

Btta do l': rimprovero finale, pi acre.

Brasca: sguiscia, fame da lupo: abbrascw.

Bratta: fango.

Brecche: ramoscelli.

Briccoll: scapezzare.

Brgoa: cosso, bolla.

Brisca: favo (lucch. bresca).

Bddego: pancione; bezgo: epa.

Bggio, buggi: bugliolo.

Bughezzo, bullezzmme: maretta, subbuglio.

Bgn, brzz, sbrzz: muggire (Lucch. bugnare dei calabroni).

Burchi: rebbi.

Burdisco: ruffello; bordello.

Bscio, bxo: bozzolo, bocciolo.

Bstica: stizza.

Busticcse: muoversi adagio, azzicarsi.

[inizio pagina]

Cabille: guizzi; fa - guizzare (Cav.).

Cabirda: combriccola.

Cadello (mette, tegn, st a-): metter, star a segno.

Cafusci: negro; cafn: nero per sudiciume etc.

Caladda: calata; chiasso.

Calo, bazanotto: bazzotto.

Carabottn: castello di prua.

Caraa: (χαραξ): palo, broncone.

Carz: garzuolo; bon -: gramo soggetto.

Cascn: ciascuno.

Cayze: caligine; filiggine.

Czze i notti: cascar le braccia, l'ovaja ecc.

ggia, -e: ciglia. Sggia: secchia.

Cialmma, cancaribba: scampagnata.

Ciappn, tresto, tremmeljo: diavolo, folletto.

Ciarra: ruzzola, girella (di lavagna).

Ciazza, spiaggia (plagiam).

Cicca, cinci, leccornia: d a -: far una ramanzina.

ill (no -): non fiatare, zitto.

Cim, pullezz: poltrire in letto, al fuoco.

Cide, ciso, -a: chiudere, chiuso: ciza: gora.

Cigiaa: filiggine peciosa dei metati.

Civasco: pioggia con vento.

Civo, -i: piogge autunnali, o sim.

Cgge: pani, spire della vite.

Clla, clloa: colle; clloe: rossori sulle guance.

Craje: tralci; gambe.

Crea: tacca; cresta dei monti, e sim.

Cry: credere (forma genuina).

Crov, crva (altrove grodd): cascare di foglie, capelli, frutta ecc.

Cbba: cielo della vettura.

Ccco: bisnonno; Rebeccco: terz' avolo, capostipite(Cfr. κυισκω): forse beccco 3 avolo; rebeccco 4 avolo.

Ccco: cuculo.

Crl: girare, muovere dell'onde, bandiere, carte, della luna, del fuso. (ingl. to curle. Gerus. XVI, Cav.).

[inizio pagina]

Drno (cive a-): dirottam. (celt. der. fiume, cfr. Arno).

De brocco, -ficco, -butto: subito, repentinamente.

De cacaribba, -piarda: buon tempone.

Degord: sveltire.

Degordo: furbo.

Derr, -o: ruinare (lat, ruo); dirupo.

Desfig: sfigurare; ravvisare.

Desmo: lutto, nero o bruno.

Dy: dovere (forma ant. genuina).

Dezenteg: estirpare.

Dindn: balocco, dndolino (v. puer.).

D'in day, davvy: davvero.

Dro: spesso (di tessuto ecc.); rozzo.

[inizio pagina]

Esc, lnsc: uscire (lat. exire).

[inizio pagina]

F a l'acca: far a mezzo, e sim.

Fanetto, ast, V. agibbo.

F pedima: far dispiacere, dar noja.

Fast: (T. d. pesc.) pignatta col fuoco (Gerus. XX. 87).

Fatto: senza sale; fado.

Fi, fill: telare, correre.

Fiezz, xoatt: sorare, svolazzare.

Fito: presto (lat. cito).

Forlncia: gettone.

Fscia, frsci (ant.): forse (l. forsitan).

Fw: fal; fatto (v. di Riviera).

Frigno, -in: frugolo.

Fuffa: spavento.

Frbo trggio: furbo trincato (Gerus.).

Fto: allibbito.

Fzze, fzz: fuggire (l. fugere).

[inizio pagina]

Gccia: bocchetta in cui s'imprigiona il chiavistello.

Gmisto, -isccio: nevischio, sinibbio.

Garbo: vuoto: onde Testa garba, gggia.

Garlezz: gorgheggiare.

Gattixn (and in): vagare di notte (Cav.).

Gavrna: calaverna, diaccioli.

Gaybo: garbo.

Gazibba: truffa, baratteria.

Ghinia: gherminella; (fa -): tramare.

Giamin: fatica; -: stracanarsi.

Gandoln: paleo.

Giasci, -sciug, mastrug: masticare, biasciare.

Giaxe, zaxe, suzaxe: giace, soggiace (Gerus. ecc.).

Giasmo, giximo: biasimo (ibid.).

Gimika: prodigio, savy, conosce a -: il segreto, modo, destrezza, garbo.

Gnisca: sterco.

Grmmia: camorro, segrenna.

Grttai: smilace, pianta che fa in luoghi rozzi.

Grnde (f, cal, ti z e-): accigliarsi.

Gulli: porci, stupidi. (Cfr. γη υλη: terra selvosa).

Guer: voltoio (uncino della trtina).

[inizio pagina]

Imbso: capovolto; rabbioso.

Inenta: cinta; insidia.

Incriccse, incoccise, no zg (a ciave): fallar (la chiave).

Ingu': a filo; -: ingolare.

In lena: attentamente.

Invrso, rozo: rabbioso, nero.

Inajse, scitse: confondersi.

In ogin, -pann, -settn: in orecchio, carponi, a sedere sul letto ecc.

Invexend: scombujare, scompigliare; -se: annaspare.

lnvexendo, scito, sciaratto: subbuglio.

Iriente: iridato.

rio: giaggiolo; iride.

[inizio pagina]

Lccia: sovvallo, bazza. (Cfr. lucch. lacca).

Lampe: lanterne (scherz. per occhi).

Landn (fa o -, mette ao -): ludibrio.

Lccia: leccia (pesciol. svelto).

Lggia: frana, lazza, dirupo; se ua -: scandaloso, scavezzacollo.

Lign, suss: lucignolo, trfolo, lgolo ecc.

Ligna (de -): nobile, di garbo, di lignaggio.

Lizo: mal lievitato; ragnato; digiuno.

Lddria: lontra.

Lddrao: logoro (T. d. falcon. dal ted. luodr).

Lddro, lppo, -on: lurco, mangione.

Lvego: a baco, bujo (λυγλιος sp. lbrego).

Lccio: insipido, sbiadito; loccighe: tentennare.

Lccio: briaco.

Luggio: zizznia, loglio.

[inizio pagina]

Mag', scaggia': acervo di sassi.

Mangi di ciodi, de l'aggio: rodersi; - a giabba, a pettn: - a ufo; - a lamma, a fggia: intender il gergo, accorgersi della ragia ecc.

Mareyto, maleyto: maledetto.

Marila (rumpe a): guastar l'arte, il mestiere.

Marmell: scamottare, frodare.

Mastrello: Ceppo su cui preme il pancaccio nel frantoio.

Mastro, manezzo: imbroglio, trama.

Maxy: macerare; di frutta invecchiata fino a perdere il sugo.

Messoa: falce.

Mila: bello, eccellente.

Miscio, sbrixo: povero, deficiente.

Mbba: inganno; combriccola (ingl. mob).

More, mo: madre; ma; mali; mari.

Mgna: ingannatore, da non fidarsene (?).

Mo: (ant.) modo; muoio.

Mscio: agiato.

Mutto: mutilato, monco (mtilus).

[inizio pagina]

Natta: sughero; d o rizo cu'a -: zombare, dar una strigliata.

No, nosc: nocchiero.

Nozzo: noleggio.

No: nuovo; nuoto; ant. nodo.

[inizio pagina]

d: udire (audire).

Ordixe: orditrice.

va!: viva! (lat. vat).

'ze per vze, vrze; volgere. (E cos altre afresi alla greca: 'xe, 'ri, 'in ecc. per vxe, vori, vin).

[inizio pagina]

Pan: deretano; paniere.

Parpell: palpebrare, lappoleggiare.

Parpezz: librarsi sulle ali; palpare.

Psso: appassito.

Pattell, sciarbell: ciabattare.

Pgo (a -): con l'acqua alla gola.

Peneyze: nostromo, penese.

Py: pero, pera; pelo. (al plur. pye femm. Cfr. lucch. un pero (frutto) e le pera; neutro lat.).

Pia: punta; -: pinzare; -o: cocca - se in sc' pii: Esser sul punto, l per l.

Piafrn: margiasso.

Piggi l'urso: imbronciarsi.

Pozo: pietoso.

Pitto, giscio: cibo; becchime.

Pitt: beccare.

Pzo: poggio.

Pxo: bilico.

Pretens: pretendente.

Prom: di rimpetto; primiero (anche prm).

Pusela: spulezzare.

Pua: pozzanghera; pozzo nero.

[inizio pagina]

Rabbadaya, remenaya: truppa, marmaglia.

Rtin: ramarro delle processioni, guida.

Raffataggi: rigaglie; ratatuia: rimasugli.

Ravatt: trambustare, rovistare.

Ravatto: cianfrusaglia.

Raxa: fiore, pruina della frutta.

Raxoele: discorse.

Rayxo, ryxo: avaro, tirchio.

Rebbell, strascin; strascinare; -o: mascalzone.

Rebulla: capocchia.

Recatto (d -, d i so -): ordine, dar assetto.

Recillse: smammolarsi.

Rega, remacci: ribadire.

Regncco, -cculo, grmmi: bitorzolo.

Remsccio, ciappetto: donnaccia (remlculum).

Rescrsso: attempatotto (relativ. all'et).

Ri: ciottolo; spinoso - Arri: colpire giusto.

Ricella: fior fiore, cosa eletta.

Rccolo: tremagi.

Ronsggio, rssua V. grimmia.

Rulle, frasche, nnne, ciccoe: lezi, baie.

Rmenta: spazzatura, (ramentum).

Rump l'arclla, o chitarrn: dar noja.

[inizio pagina]

Sapelli: ciottoli, inciampi.

Sbigge (in te): esser nell'impiccio, nelle peste.

Sbitt: spifferare, buttar fuori.

Sbronzin: spicciare acqua, sangue ecc.

Sbronzin: rumoreggiare del tuono.

Sbcculla: boccaglia del corno.

Scnfio (avy): aver agio.

Scanggia: bozzacchione.

Scapulla: errore.

Scarma: sete ardente.

Scavi: spicinare, malmenare; -o: scapestrato.

Sccianca: ramo.

Sccianc: schiantare.

Scciappn, ciappuo: sbercia. Ciappu: acciarpare; pescugliare; sguazzacchiare.

Scciazzo: spesso, fitto, folto.

Scent: sparire. And com'o scento: veloce.

Sc, sbrignsela: battersela, sfuggire.

Sciacco: valle, lama, lacca.

Skinco,-: stinco, -ata.

Scille: vergate, botte.

Skincamro: broncio.

Scigna, scignoa: federa del guanciale (cfr. καυνοσ soffice, χηνος oca). Vive in Polcevera e altrove.

Scivrto: siverto; spediente.

Scve, scssa: pascolare, pascolo; riscuotere.

Scompass: Sorpassare da una parte all'altra.

Scon: scemare, esser mancante; diminuire.

Sco: sgrondante, molle.

Scso: grembo.

Scottomlla: musceppia, ragazzotta.

Scx: svergognare.

Scrppoe: cispa.

Scrav: sfrondare.

Scurriatta: falce frullana.

Semme: una volta (semel).

Seqquadr, assequ: stringere.

Setto: sedile; sederino.

Sximo: senno.

Sze: sedere; sze: pruni; sezze: sdici; il sedere.

Sgrxo: disonore, biasimo.

Sguan: acquazzone.

Sguana: guancia (Gerus.).

Smaxo; stremio: sbigottito, smarrito.

Smayn (a neyve): squagliare.

S': suolo; sorella; suoi.

Sorao: solazzo.

Soriggia, scoggia: a solatio.

Spanteg, sparpaggi: spargere, scanicare.

Spareg (l'arba): comparire (rompere del d).

Spppoo, : snello, mingherlino.

Sprun, spru(v)in: spruzzo; -are, -olare; piovigginare.

Stagno: saldo, fermo.

St': stuolo.

Straggi, stralatt, dezrp: sprecare.

Stralla: gombina, legami.

Strazetto: scorcione.

Streppel, sgarbell: malmenare, lacerare.

Streppello: branco.

Streppo: strappo; stroppo, anello ecc. (eufem.).

Strexo: arsiccio.

Strixell: scorrere (sangue, acqua, sudore, miele, resina).

Stggia, restggio: paglia, stoppia.

Stuzz: pulire con un mazzo di paglia.

Subacc: calare; soverchiar altrui, opprimere.

Scchetta: cozzare; (anche Coss, Gerus.).

Sggio: subbio.

Sulacche: gambe (incavo dietro al ginocchio).

Susta, btta: alterigia.

[inizio pagina]

Tambsci: lavoracchiare.

Tann: braciere, fornello.

Tapulla: lavoruzzo, accontodatura. Verbo -.

Tarro': fendente.

Teccise: celarsi; godersi; -ozo: godereccio.

T': tronco dove comincian i rami; tuoi.

Tppia, angiw: pergolato (topi, -orum).

Tombiggi: tracollare, dormicchiare.

Tortaj: imbuto.

Traghett: tramare.

Trill: trillare; brillare; gongolare.

Trggio: truogolo.

Trgno, dreltto: atticciato, tarchiato.

[inizio pagina]

Vexende: vicende (Cav.).

Vy: vedere (forma genuina).

Vzo: posatoio degli uccelli (vectis).

[inizio pagina]

Xo, x, xo, sgho: volare, volo.

[inizio pagina]

Zaval: cinghiale (Gerus.; spagn, xaval).

Zrbo: gergo; gerbido.

Zlo: ronzello.

Zinzan, tempoezz: gingillare, temporeggiare.

Zucca: giucca, balordo.

Zulli!: esclam. eufem.

Zutta: fondaccia.

Zuv: giovare.

Zuvo: giogo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[inizio pagina]