zena@francobampi.it
Inder
Franco Bampi - Daniele Caviglia

Problemi di grafia

"inte" oppure "in te"?

In molti casi la preposizione italiana "in" assume nel genovese la forma in te oppure inte. Il problema decidere quale delle due grafie adottare. Vi sono argomenti a favore dell'una e dell'altra.

  • inte: la forma inte (in) deriva direttamente dal latino intus (dentro) e quindi va sempre scritta unita, anche quando articolata;
  • in te: scrive il Gismondi: La preposizione in si unisce all'articolo mediante una "t": in to pozzo (nel pozzo); in ta pgnatta (nella pentola); bogge che va in te stelle (bolle che va nelle stelle). Pare che un tempo in si unisse direttamente all'articolo, come sembrano attestare espressioni rimaste: ino Campo (in via del Campo), ino Reuso (in piazza del Roso), ino Prion (in salita del Prione): a Sant'Olcese v' un gruppo di abitazioni su una costiera montana, che viene chiamato ini monti. I Prati di Mezzanego in quel di Borzonasca vengono detti in dialetto Inepr.

La scrittura staccata di gran lunga la pi diffusa. Va tuttavia osservato che la motivazione del Gismondi, suggestiva quando l'articolo genovese o, a, i, e ossia davanti a parole che cominciano per consonante, non dice nulla quando l'articolo l' ossia davanti a parole che cominciano per vocale; resterebbe cos da decidere se scrivere, ad es., in te l'am (nel miele) oppure inte l'am.

  1. Grafia Piaggio Casaccia. La grafia sempre separata: in te (in, nelle), in to (nel, nello), in te l'am (nel miele).
  2. Grafia Tradizionale Normalizzata. (GG VIII.70 e GG VIII.71) La grafia sempre unita; (GG II.62) afferma che da evitare la grafia in to, in ta, che etimologicamente scorretta: inte (in, nelle), into (nel nello), inte l'am (nel miele).
  3. Vocabolario delle Parlate Liguri. La grafia sempre unita: inte (in); non d regole per la scrittura della preposizione articolata.
  4. Grafia in U. La grafia sempre unita; inte (in); obbligatorio usare l'apostrofo per la preposizione articolata: int'u (nel, nello), int'a (nella), int'i (nei, negli), int'e (nelle).
  5. Proposta per un Sistema Grafico. Per semplicit la grafia sempre unita.
  6. Metodo esotico.
    1. La grafia separata nelle forme articolate in to, in ti, in ta, in te ossia quando la proposizione "in" seguita dall'articolo determinativo o, i, a, e;
    2. la grafia unita inte quando la preposizione "in" seguita
      1. dall'articolo determinativo "l" (elle) davanti a vocale: inte l'am (nel miele);
      2. dall'articolo indeterminativo un o unna: inte 'na butega (in una bottega);
      3. da nessun articolo: inte sto caxo (in questo caso).

Introduzione

Problemi di grafia
Grafie imprecise
Grafie a confronto
Alfabeto fonetico
Glossario
Dittonghi e iati

Accenti

Lunghezza delle vocali
Vocali prima dei digrammi
La "e" breve
Accento sui monosillabi
Gruppi vocalici

Vocali

Il suono [2] corto e lungo
I suoni [O], [u], [y]
La semivocale "u"
Il dittongo [Ow]
La semivocale "i"
La lettera "j"

Consonanti

Consonanti doppie
La "m" davanti a "b" e "p"
I suoni [s] e [z]

Note grafiche particolari

La "h" nel verbo avere
Lo iotacismo
Dittongazione rapida
La crasi
La metatesi
Preposizioni articolate
"inte" oppure "in te"?

Inder