zena@francobampi.it
Inderŕ
Franco Bampi - Daniele Caviglia

Problemi di grafia

Glossario

Per comoditÓ del lettore riportiamo alcune spiegazioni dei termini che saranno liberamente utilizzati nel seguito.

  • accento: rafforzamento della voce nella pronuncia di una sillaba rispetto alle altre della stessa parola (accento di parola o tonico). L'accento Ŕ pure il segno grafico, detto talvolta accento grafico, che indica dove cade l'accento di una parola (accento tonico) oppure come pronunciare una vocale (accento fonico) oppure entrambe le cose.
  • digramma: doppio segno per indicare un unico suono: le lettere "gn" della parola "gnomo"; se le lettere sono tre si dice trigramma: le lettere "sci" della parola "lascia".
  • dittongo e iato: il dittongo Ŕ un suono costituito da due vocali pronunciate in un'unica emissione di fiato; si ha iato quando le emissioni di fiato sono due. Il dittongo appartiene ad un'unica sillaba, lo iato a due. Qui ci limitiamo a segnalare che nel genovese si ha iato quando si incontrano due suoni vocalici in fine di parola e il primo Ŕ tonico e lungo. Approfondimento su dittonghi e iati nel genovese.
  • enclitico: che si appoggia come accento alla parola precedente: nella frase corrigli incontro, gli Ŕ un pronome enclitico (confrontare con proclitico).
  • metÓtesi: trasposizione di lettere all'interno di una parola: in italiano areoplano invece di aeroplano, in genovese vreddo (vetro) invece di veddro.
  • omografo: si dice di due parole (o di due suoni) che, pur essendo differenti, sono scritte nello stesso modo: in italiano esse con la prima "e" stretta Ŕ il pronome, con la "e" larga Ŕ la lettera "s".
  • omofono: si dice di due parole (o segni grafici) che, pur essendo differenti, si pronunciano nello stesso modo: in italiano la (articolo) e (avverbio); fiera (belva) e fiera (mercato) oltre a essere omofoni sono anche omografi.
  • postonico: nelle parole ci˛ che si trova dopo l'accento di parola o tonico.
  • pretonico (o protonico): nelle parole ci˛ che si trova prima dell'accento di parola o tonico.
  • proclitico: che si appoggia come accento alla parola che segue: nella frase gli corse incontro, gli Ŕ un pronome proclitico (confrontare con enclitico).
  • scempio: singolo, contrario di doppio: nella parola "pattino" la "t" Ŕ doppia. la "p" e la "n" sono scempie.
  • segno diacritico: segno supplementare per precisare particolaritÓ di pronuncia non rese dai segni consueti: l'accento Ŕ un tipico segno diacritico.

Introduzione

Problemi di grafia
Grafie imprecise
Grafie a confronto
Alfabeto fonetico
Glossario
Dittonghi e iati

Accenti

Lunghezza delle vocali
Vocali prima dei digrammi
La "e" breve
Accento sui monosillabi
Gruppi vocalici

Vocali

Il suono [2] corto e lungo
I suoni [O], [u], [y]
La semivocale "u"
Il dittongo [Ow]
La semivocale "i"
La lettera "j"

Consonanti

Consonanti doppie
La "m" davanti a "b" e "p"
I suoni [s] e [z]

Note grafiche particolari

La "h" nel verbo avere
Lo iotacismo
Dittongazione rapida
La crasi
La metatesi
Preposizioni articolate
"inte" oppure "in te"?

Inderŕ