L'art di Apostoli
zeneise@francobampi.it
 

Intr > ...e chi i tri > Mesccia > L'art di Apostoli
[ Inderr ]

L'ART DI APOSTOLI IN SAN LOENSO
(INTERPRETE - CANONICO MARMO)

n giorno de Pasquta, dppo Vespro,
dxento, circa inquant'anni fa, (1)
i Santi Paddri, ch'aivan ascisto
in San Loenso a-a funsion pontificale,
e faeto o bagno a-a lasagnata gianca Reminiscenza del vecchio adagio: Pasqua Epifania - Gianca Lasagna
con do scito vinetto de Cn,
(scordandose che i zeughi son do Diao)
han combinu nn-a parta a-e bcce,
stando insemme San P, San Gieumo e Abrammo
contra o Battista, San Paolo e Mos.
Pe n p a dema a l'a andaeta ben,
proprio comme se deve fra personn-e
passae a-o siassetto da Romana Gexa;
ma, a-a fin da fa, p co-a sorveggiansa
do Segn, ch'o zeugava feua de l,
a nativa pascion de l'interesse Allusione alla proverbiale avarizia ebraica
a l'ha axoo Inacetito, andato a male a-i Patriarchi o bon m.
Zg, s'aivan zgu solo da beie,
l' vo; ma co-o venin poi de traverso,
senza manco pensghe, an passae
da-i sdi a-e le e da l'argento a l'u. Scommesse che si  soliti fare specialmente nelle varie fasi del gioco
Quande Mos co-i s o l'ha faeto taggia Assicella per il computo dei punti ecc. Significa anche: Vittoria
s'a z, 'n s e 'n l, sento quarche mocchetto, Punzecchiatura, insinuazione maliziosa
ma, L o saiva f oge da mercante
e, a conti faeti, o presentava a ntta
da liquid 'n sce l'atto, finn-a a-o citto!
Abrammo, ch'o sae staeto ruzo assae
solo pe-o zeugo perso, o l'a do Diao
d'sise accrto ch'n di s compae,
(quello ch'o ha sempre i grimadelli Grimaldello: arnese da ladro per aprire senza chiave le serrature in man)
o gh'aveiva locciu trppo in to mnego,
comme se proprio o voese f castagna: Agire o brigare contro l'interesse dei consoci
cosc o ercava de ti o c inderr
protestando a camra, ne-a speransa,
se o no riusciva a gigheli in San Zrzo, (2)
d'arrangise pe rotto Transazione fallimentare a-a bella a-a mgio.
Ma con de facce sante de sta menn-a
tro ghe voeiva che minacci scandali!!
Chi zeuga ha da st a-a prdia comme a-o guagno
sentensiava Mos, l'ommo da Lezze!!
Visto alla che o mastin Cane guardiano, caparbio o no mollava,
ansci o spediva Paolo da-o Segn
a imbocclo, Dirgli ci che deve dire e fare se o poeiva, a fav s,
o s' lasciu piggi da-o Santo Sdegno
e o ghe ha mezu un stulon, Manrovescio giandoghe a schenn-a.
San Gieumo, meschinetto, ch'o no saiva
o Cum, o Rum, o Biscu e a Santa Croxe, (3)
spaventu da quell'atto do compagno,
e temendo de pzo, o criava: Paxe!,
mentre o Bacciccia, che, meno a mangieuia, La mangeria, o compenso da versare al complice
o s tcco o se o fava z in ta stacca,
dandoghe a taa, Facendoci la tara (taa), non preoccupandosi, lasciando correre contento o se ne rieiva.
Paolo o ciccioava Bisbigliava, parlava sottovoce ancon drento in ta niccia
co-o Prinip, scxindo svergognando, prendendo in giro i patiscimili Permalosi, insoddisfatti, malcontenti
e piggiando e difeise de San P,
che, l dappresso, pronto a deneg,
segondo o s vissito, o stava sitto
sforzandose de f l'indifferente,
scibben che in to s interno o tribolesse,
comme quande o sentiva cant o gallo!!
Gex Cristo, assetu 'n sce n scambelletto, Si tratta di figura seduta, ma sopra un seggio poco appariscente
co-a man scinistra o l'arrezeiva o Giobbo,
e, ascidiu in ca visibilmente infastidito, lett. infastidito in viso, comme chi re d'angoscia,
pensando fra L e L, paiva ch'o disse:
Questa ancon me ghe voeiva!... A l' a mana
de contegnse fra Beati e Santi?
Se tanto me da tanto, che mveggia
se, da n momento a l'tro, anche a marmaggia
ch'a formigoa a milioni in sce sta boccia, la Terra, il Mondo
a cra: "Morte a Gex, viva Barabba!"?
Dunque ve-o canto in mxica: son stffo;
e n tro p che me fae gi a santiscima,
ghe diggo a-o Poae ch'o dagghe inderr a-o tempo Miracolo assurdo!
finn-a che l'niverso o torne a-o sco
e Lcifero in co-i tri Arcangei,
comme primma che o Verbo o disse: Fiat,
ch'o l' staeto o motivo d'ogni guaio!!
A sto moddo se spiega l'opea d'arte
di Da-Porta e Compagni (4) in te l'art
di Apostoli, pe no d de zenogge: (5)
chi, poi, sospetta ch'agge imbroggiu e carte
pe f credde che a sciocca (6) a l' fain,
ch'o vegne a vedde se mi conto cogge!!

* * *

Questa stramba fantaxa
a l'aviae dovo sciort
co-i strofoggi de Poexa
pbblicae do trentedu;
ma no so s'a l' a cometa, Meteora attesa con qualche ansia nell'anno 1832, quando gi minacciava il colera
che z a gh'aese misso a cota,
s'o segge Belzeb (7)
restu in Cria pe n de ci!
Faeto sta che sci de d'to
gh'han refughe l'imprimato. (8)

Zena, 1-1-1832

[ Inderr ]