Interviste a-o xŕuo
zeneise@francobampi.it
 

IntrÔ > A rivýsta Zŕna > Interviste a-o xŕuo
[ Sciű ] [ Inderrŕ ]
Pagina primma ] Pagina doppo ]

Grafia originale

Emmo faeto šinque domande a di zeneixi illustri:

  1. Pe quanto distante da tanto tempo e coscý impegn˘u in to travaggio, sciÓ l'ha mai pens˘u a Zena?
  2. Quale ricordo e quale posto da šitae gh'Ŕ arrest˘u ci¨ cao?
  3. SciÓ l'ha mai sentio o bezŕugno de parlÔ in zeneize?
  4. Ghe pń utile conservÔ e fÔ conosce a nostra parlata? Scia credde ch'a l'agge un s˛ valore esprescivo?
  5. In quale forma: prosa, teatro, canzoin e folklore, ghe pa che o nostro dialetto o segge ci¨ simpatico?

[ Lauro Gazzolo ] [ Rosanna Schiaffino ] [ Carlo Dapporto ]

[ in šimma da pagina ]

Lauro Gazzolo

     Lauro Gazzolo
  1. SciÔ l'avieiva dovűo domandÔme se, in tutti sti anni de lontanansa, m'Ŕ mai capit˘u de no pensÔ a Zena. Qualche votta, pe a veitŕ: quando penso a Nervi, dove son nasciűo.
  2. O Lido d'ArbÔ dove - son passae vintišinqu'anni - in te unn-a de quelle seiann-e silensiose e profumae da primmaveia zeneize, ho conosciűo a donna ci¨ cńa do mondo, mae moggŕ. (Ho dţto źsilensiose╗, ma me riferiscio, ripeto, a vintišinqu'anni fa).
  3. Quande devo scaregÔ i mae nervi, contro un autista scciappin, un esatt˘ pretenscioso o un malcacco qualunque, me sciortan da' bocca de esprescioin propio zeneixi. E o me succede abbastanza spesso.
  4. Dixan che conto ben e barzellette; e ci¨ belle figűe l'ho faete contandole in zeneize.
  5. A prosa. E o l'ha dimostr˘u in t'a manŰa ci¨ ciaea ń televix˘n, poco tempo fa, o nostro grande Gilberto Govi.

[ in šimma da pagina ]

Rosanna Schiaffino

     Rosanna Schiaffino
  1. Scý, sovente; anche se ho viaggi˘u tanto, posso asseguÔ de no aveý mai scord˘u a nostra bella Zena.
  2. A vista de Zena da-o Righi, de nŕutte, co-e luxi da šittae che se speggian in sci÷ mÔ.
  3. Sens'Ôtro. Anzi mý e mae mammÔ usemmo spesso o moddo de dý: O c˘re ci¨ lŰ che o can do Lecce.
  4. ConservÔ a nostra parlata, scý, d'accordo; e diffondţla, anche. Ma fÔ in moddo che a parlÔla seggian solo i zeneixi perchŔ i foresti ghe faieivan perde a s˛ ci¨ bella caratteristica: a pronunšia muxicale.
  5. O teatro dialettale che pe mý o l'ha un solo nomme: Gilberto Govi.

 

[ in šimma da pagina ]

Carlo Dapporto

     Carlo Dapporto
  1. E chi no ghe pensa?
  2. I ricordi cńi son tanti e dýne un solo l'Ŕ fa torto a tanti Ôtri. Me limiti˘ ad űn ricordo affettoso ch'o l'Ŕ de tutti: i mae parenti e, con l÷, a mae Sanremmo.
  3. Scý... quando mangio a fainÔ.
  4. Penso che conservÔ o propio dialetto segge utile, specialmente pe poeý trovÔ all'estero quelli da propia taera e, con l÷, comprensci˘n, nostalgia e coraggio. A parlata zeneize a l'Ŕ molto espresciva e spiritosa. Pe chi no l'Ŕ zeneize o a treuva, con a s˛ coccina, divertente. A l'Ŕ un pittin diffišile a capise e coscý a l'Ŕ poco źesportabile╗.
  5. A prosa, s'a l'Ŕ rešitÔ con quell'arte e con quella mezűa che solo o grande Gilberto Govi, źitalianizzando╗ tante espresci˘in, o poeiva rende celebre.

[ in šimma da pagina ]