A Quezzi se ghe sta ben
zeneise@francobampi.it
 

Intr > A rivsta Zna > A Quezzi se ghe sta ben
[ Inderr ]
Pagina primma ] Pagina doppo ]

Grafia originale

Quessi, anchu, a l' qualcsa de ci de 'na semplice borg ai limiti da ittae, i palassi anche ch crescian e vixin a queste novitae gh' a stupenda costrzin da Casa Ripso pe-i Penscionae da Previdenza Sociale.

Appenn-a son arrivu no me ghe trovavo ci, ma subito ho arsu i uggi lasci pe-a collinn-a verde: o Fossati o l'a za l ch'o me salutava.

And a trov o Fossati l' comme and a pass 'na giorn in t'en giardin de montagna, all'ia sann-a, tra e ci varie specie de piante, in te un ambiente ch'o l' in gran parte un bers. Gh' a vasca di pesci, o zugo da bocce e 'na massiccia balestr dove se sta tanto vonta appoggiae a godise o panoramma.

No son staeto erto mi o primmo a scrov quello psto ideale pe scord un p o traffego do centro, in lieta compagnia, a ta all'averto, a parl de personn-e e de ricrdi ci!... Gh'n z staeti anche o Cappello e-o Carbon; o Mistro Margutti tante vtte o l'ha espresso o dexideio de andaghe, ma dppo quella fratta a-o p...

   
 

Costanzo Carbone, Mario Cappello e Emilio Fossati stto o bers da casa de Quessi

O Mistro Margutti pe-o Fossati o gh'ha tanta stimma e tanto affetto, no solo pe-a s serietae e-a s sincera amicizia, ma anche perch o l' staeto o ci co allievo do Cappello e o s continuat, e spesso se veddan e parlan de tutto pe poi and a fin in ta canson. Tant' o Margutti o dixe o dixe, ma muxica o ghe pensa sempre.

Dppo e incisioin do Massa e do Bertorello, anche o Fossati o l'ha inciso quattro cansin in t'en 45 gi pe-a Casa Muxicale Arpeggio de Milano, di autori Margutti, Bozzo e Migone.

In te questo campo da canzon, o Fossati o l'ha avo de belle soddisfazioin. In to 1954 o l'ha partecipu a-o Campanin d'Ou, Festa da Cansn Zeneize a-e Piscinn-e d'Arb e, sempre in to maeximo anno, a-o Festival da Cansn Franeize, a-o Lido, in mezo a tutti i assci do genere, italien e franeixi, cantando Cheullia e Se ghe penso. Pare ch'o segge staeto o famoso Maurice Chevalier a voe un rappresentante de Zena in te quella manifestazion internazionale. E quest'anno, l'Organizzazin ESSEPI a gh'ha assegnu a Lanterna d'argento.

Incominsavimo a sent l'ia ci fresca e a nostra Zena, comme un scenario incantu, all'appariva a-i mae uggi in te 'na vixn nuva e meravigliosa: ciassa da Vittia con e s file de luxi, i gratta ancon ci imponenti in to sfondo limpido tra i riflessi e-e ombre da nutte. Me pava d'se spettat de un fantastico e splendido sunno de poesia. I ricordi de cose e de personn-e che han voscio tanto ben a Zena, e fotografie co-e muxiche di vgi e di nuvi sccessi, m'han faeto rivedde e fige che han lasciu un'rma incancellabile in ta stradda da nostra tradizin ch'a l' sempre cosc viva, perch gh' sempre chi vu e chi pu continu a tegn aerto o nomme de Zena in te tutti i campi.

Pava che o reluio o camminesse ci aspeda e o figgio do Fossati o m'ha salutu da-o cancello, e in te man o tenva sempre a Lanterna d'Argento ch'o m'ava portu a vedde. O Fossati o m'ha accompagnu un tcco in z e quande mi da solo ho continuu squaexi de corsa pe-a discesa priosa ch'a passa in mezo a-e ciann-e, ho ancon sento a s vxe cda e pastosa ch'a me diva: t'aspto fito con l'Anselmi e c Balbi pe-a parta a-e bocce! Camminndo gh'ho criu: Ciao, stanni tranquillo, t-e-i porto... e a sa a sa son riusco a no perde l'ultimo celere. In to tragitto pe arriv in ciassa da Vittia pensavo a quell'atto gentile e scignificativo ch'aveivan avo pe mi lasci a Quessi, in te quello pendo da dove Zena a p tanto distante e stacc: m'avan preparu un de con scrto: Zena ti vivi. O titolo de unn-a mae poesia.

MASSIMO BROGI

'Na vista de Quessi

[ Inderr ]