Ricordo do Bai
zeneise@francobampi.it
 

Intr > A rivsta Zna > Ricordo do Bai
[ Inderr ]
Pagina primma ] Pagina doppo ]

Grafia originale

O Bai o m'ha insegnu a pesc. A quelli tempi no ghe voiva a maschera, e pinne e o scciuppo pe and a pesc, bastava a canna con a lensa, e blentin; de nutte a ficina e lumme a carbr. Bastavan.

O Bai o m'ha insegnu a innesc o vermello, i gmbai, o paston de pan e formaggio forte; o Bai o m'ha anche insegnu e arme arma = mira, punto di riferimento a terra per le barche in mare bonn-e davanti a Sturla, a Boccadase, a-o Lido. O Bai o m'ha faeto anche prov o piaxi de pesc e seppie innam, con a femmina finta (legno e spgetti) o con a femmina va, viva e palpitante, agganci a-a lensa comme l'acrbata a-o cav d's ch'o ghe salva a vitta (in to caxo da seppia, invece, o cavetto o ghe costa a pelle).

A-a fin, o l' staeto ancon o Bai a insegnme comme se mangia o pesce appenn-a pescu. Ho impar cosc che o pesce tiu sci da-o m da-e nostre lense, o se mangia con rispetto, con gusto, squaexi con religion, e mentre o se mangia se ghe discre doe e teno comme o ghe discorriva l: Ah! T' ch, bulaxo pesce castagna bello, t'i in ta conchetta de levante, e no ti ne voevi savi de vegn sci, ma m te g'ho portu, adaxo adaxo, senza fte troppo m, senza streppte e lerfe sott e tene.... Oppure: Sta scignorinn-a (unn'uggi) a m'aviva za pulo o bolentin de armeno inque o sei boccoin, tutti belli e ricchi, tutti da monscignri; e de l sotto, ogni votta che sarpvo a lensa, a me fava maramo con ste pinne, riendo comme 'na matta... aa no ti ri ci, va? Aa de t ne fasso quattro boccoin... .

O ritraeto do Bai    

Questo o l'a o Bai, ch'o m'ha insegnu o m, o vento, i schuggi, i fondali e i pesci da pesc. Da l ho imparu tutto; tutto meno 'na cosa (foscia a ci bella, foscia a ci importante; peccu!).

Da-o Bai non ho imparu l'ottimismo. L, primma d'and a pesc, primma de chin in sci spigia, primma ancon de mesci i p d'in casa, o l'a sempre sego che saiscimo tornae con a barca o e corbe pinn-e de pesci. Sempre. L o n'aviva mai de dubbi, l o no conosceiva a pua de perde. Sempre sego, sempre tranquillo. Poi, naturalmente, spesso tornvimo a taera a moen vue, senza unn-a ca, senza n uggio, ma d s bocca no sciortva mai un muggno. L o trovava sempre unn-a scsa, unn-a giustificazin: o m cattivo, o vento contrio, a corrente, a nafta in sce l'aegua, a lnn-a e ento atre cose; e o no pensava minimamente a-i fondali sempre ci scarsi, a-e tann-e rovinae da-e savonette di breganti do m, e anche (ma sc, mettemoghe anche questa) a-o nostro dilettantismo... L o l'a ottimista, l o dixeiva sempre mogg, cio braviscima Terre, che a cuxinnava da baxaghe e moen: Muglie, prepra 'na pola d'uio grande comme a lnn-a, stasseia tornemmo co-a balenn-a... .

A Teresa, riendo, a diva de sc abbassando a testa; e m... M, confesso, no son mai riusco a impar l'ottimismo do Bai; m no credivo... . Aa me ne dispiaxe tanto. Aa che o Bai o no gh' ci, ch'o se n' andaeto via arrbou da un m viliscimo, m me pento de no avi sacciuo impar o s ottimismo san, sccetto, allegro, ingeno e zono. Se avesse saccio cap e impar o s ottimismo, cosc comme ho imparu e capo i inneschi, e tann-e, e arme, e tocche di vri pesci e tutto quello poco resto che s do m e de s cose vive, anchu, in to ricordo do Bai, saieiva ci seren, saieiva foscia meno sdegnu de tante cattivie da vitta.

ENRICO BASSANO

*  *  *

Son zeneize, figgio de zeneixi,
e parl zeneize anche a Domenega,
senza vergogname!

[ Inderr ]