A tascia in sci ciaeo
zeneise@francobampi.it
 

Intr > A rivsta Zna > A tascia in sci ciaeo
[ Inderr ]
Pagina primma ] Pagina doppo ]

Grafia originale

Fantasie dixan. Sai. Ma gh' da fase vegn a pelle de gallinn-a solo a pensale, ve-o diggo mi. Comensemmo...

No, primma de comens l' ben che v'avverte: mi son de quelli che han a pascion pe-e cose antighe, che s'innamoan de careghe camoa; de quelli che in scia punta do naso mostran sempre n riondin de pa a forza d'infialo in te sganze scaffale di libbri vegi; semmo gente che pensando sempre a-o passou (secolo ci secolo meno non veu d) giemmo pe-e stradde comme alloa, stordito, sbalordito, attonito piggiemmo schincap inciampo, ostacolo che fa inciampare in te colisse do tranvai... femmo ascemmel i canton passando quande gh' disco rosso. E pubbliche ascistenze l'han fondae per noiatri; de noiatri ne parlan i giornali tutti i giorni con quelli gstosi articoletti de cronaca do genere Cade dalle scale, Travolto dal filobus.

E dito questo vegnimmo a-o faeto.

Unn-a seia de burrasca. Aegua a roggi scorgo d'acqua, getto d'acqua che p d'ese ritornae ai tempi dell'Arca. Che Santa Barnaba e San Scimon n'avvardan da-o lampo e da-o tron!... E m'avvardan, ma grondo aegua comme n barch. Ninte da f, megio andasene a cuccia.

A porta de casa pe non gh' verso che-a se veuggie arv. Forse perch staggo pensando a-i neigromanti medievali? No, perch staggo infiando in ta ciaveuia unn-a sigaretta a-o posto da ciave. Cangio arneise, arvo, ma non passo a-o maeximo. Che segge ingrasciou tutt'assemme? No. Dipende che intrando in to portego me son ascordou de serr o paegua.

Intro senza assende a lxe, pe rispetto a-i santi conseggi da mae lalla Benardinn-a bonanima (garzonin non t'avvi straggion!). Vaggo dunque all'orbetta, allungo unn-a man, tocco quarcosa. Ih, che senso! Invece do caregon da lalla Benardinn-a, agguanto un naso, sento di p che all'attasto se dieivan mostasci. Ohu! Ve l'immaginae che resato? Gh' da restaghe rddeni. intirizzito, impalato E mi arresto propio l do e reddeno arrezendome a-o tavolin. Bello paegio comme a statua de Rbattin a Caregamento; m'ammanca solo o piccion in sci testa.

Profonda meditassion in sci-i caxi da vitta, poi partenza, comme tiu in te un cacciafrsto, fionda in direzion dell'interrutt da lxe. Picco in ta miagia de testa e... de coa. Sc perch a puia a f novanta, e chi picca a novanta primma d'affermase o ne f pe cosc di gii: bottezzo, sbando, m'addrizzo, daggo a macchinicca, freno delle carrozze agguanto e... e a questo punto se gh' di figgiu piccin fae che non sentan o mandaeli a dorm. Pe non faghe piggi i vermi comme a mi in to veddime davanti unn-a tibba... vocione - qui usato per tipo o figuro d'eccezione ma unn-a tibba!!!... E non parlemmo do vest. Insomma un'ometto neigro co p sciorto da un quaddro do Tognin Vandicche: robon de vello, colletto gianco arrissu, braghe a mez'asta co-e picaggie, cappellon con unn-a cimma de gallo a so scorimosche. Azzunzeighe unn-a sciabbra erta cosc e ve ne fae unn'idea.

Atri dexe menuti de meditazion a bocca averta, e poi me gh'azzo:

- Ohu! Ohu!... E cose sci ghe f in casa mae? Comme sci gh' introu? Cose a l' questa mascherata?

O me risponde con unn-a riverensa larga e rionda sbraezando co-o cappello, che p co spasse o lastrego:

- Drietta do Fondego. Ghe son scciavo.

- Drietta o Medeo, se scia m'ha combinou questo scherso con quella pelle storta de mae nevo...

O me se regga comme n gatto quande se ghe pesta a coa:

- E che nevo e nevo, Mess!... L' du giorni che in to Regno de Ombre, dovve staggo de casa da quaexi quattro secoli, son ascidiou importunare, infastidire, seccare, molestare da-o s messaggio.

- Messaggio?

- Messaggio, sego, messaggio! Cerco neigromante medievale pe gara neigromanzia. Inintermediari. Ghe staggo e me deciddo: m'abbollo de testa e info questo barcon preciso preciso che a l' unn-a bellezza, e aoa... aoa scia me tia feua o nevo pellestorta?

- Scia stagghe a sent - ghe diggo a questo punto - l' du giorni defaeti che m'intesto a leze n libbro de neigromanzia stampou trei quattro secoli f. Ma con quelli u a-o posto de v con quelle effe a-o posto de esse; con leze affaffinato dovve voeivan d assassinato e auuiuare invece de avvivare mae testa, scia se credde, a l' divent comme unn-a pignatta a-o boggio. Tutto chi. Aoa se scia voese levame o disturbo...

Comme s'avesse parlou a unn-a miagia.

- Ciasched'un deve dichiar e seu poscibilitae - o me risponde secco - vinse chi riesce a sper l'atro. Attento che incominso.

- E, scia l'incominse...

O s'alliscia i mostasci, e poi de scatto ammiandome con euggi da foin: faina - occhi furbetti

- Astrologo, alchimista e neigromante, son da ittae de Zena personaggio importante. Conoscio di pianeti ogni loro influensa, posso savei da-e stelle se ven unn-a pestilenza. Se veuggio, cose magiche fasso co-a mae bacchetta; porieiva faghe vedde o diao in te l'ampolletta.

- Beato vosci! - ghe rispondo mi non savendo cose d e f. E comme capita a tutti, senza manco pensaghe, tio feua a macchinetta, o pacchetto de sigarette e me ne aendo unn-a. Ma ghe manca poco co non me fasse arrest o fmme in ta goa. Primma o l'arresta a bocca averta, poi o se d di pugni in ta testa e o finisce pe addentase e die.

- Arte da satanasso! - o cria. - Feugo da-e die... fmme da-o naso... tisson in bocca. Scia l'ha vinto a primma man. Andemmo avanti.

- Eh, ma aoa basta! - sbeutto mi - Ma scia non s c'ho di do de testa, che l' comme se me ghe picchessan con n mazzabecco?... mazzapicchio: attrezzo di legno conico piano nel fondo con lunghi manici per assestare il terreno battendolo E devo anche ave unn-a freve da cavalli se stralabio farneticare, vaneggiare, delirare tanto da vedde vosci.

O se recilla gongolare, rallegrarsi ttto. O tia sci o naso, o m'ammia dall'erto a-o basso e-o me ne striscia unn'atra in ton de compatimento:

- Pe-i do de testa subito ghe posso sugger, o remedio sego pe fali scompar. Un broddo de trae grigoe, lucertola co-a zunta de n scorpion, geco, rettile bianco notturno da beivise a zazun digiuno primma de colazion. Scia veu prov? ...

- Ah, no!... preferiscio piggiame un'atro cachet.

O resta abesso intirizzito, stordito da f compascion. O ga in sci e in zu con quella cimma de gallo che-a ghe remoinn-a far mulinello come fa il vento in sci cappello comme unn-a ventoela. E con di euggi che ghe gian come bilie in to gariccio, o me cra furibondo:

- Con un tappeto magico ve posso f xio; senza tocc mai scae porie mont e chin.

Veu o caxio che propio in te quello momento se sente o rombo de un motore in e. Non perdo tempo; l'agguanto pe na manega, o sponcio verso o barcon, spalanco e gioxie o costrinzo a ammi sci.

Non cieuve ci: un gaelo de lunn-a co navega tranquillo fra e nuvie che se-a dan, o rende a neutte lminosa. L'ombra dell'aereo, bassa che-a p ca tocche i teiti a ne passa in scia testa parpellando comme unn-a cea-bella. lucciola A-o fou rumore co f tremm i veddri, o se reta inderr de botto:

- Drago volante? - o me domanda tremando comme i veddri.

- Ommi che xeuan - ghe rispondo trionfante - comodi comme se fsan in te n palazzo. tro che tappeto!...

Oramai son scadenou. O non me ne f ci puia; anzi veuggio mettghela a l, ma tanta da falo mo unn-a seconda votta. M'ascordo finn-a di santi conseggi da lalla Benardinn-a e aendo ttto quanto o lampadaio:

- Capimmo? ghe crio scigoando comme-o Mefistofele. - Ciaeo senz'euio, senza stoppin o sexend, lumino ad olio senza mocchetti stoppino e senza moccalmme. spegnitoio - arnese a forma di campana per spegnere le candele Feugo senza sciamma, potenza de quattroento candeie! E chi... chi... - continuo arvindo a radio - voxi de ttto o mondo in te unn-a cascetta.

E zu a gi a manopola pe insordilo con un menestron de voxi foreste, che p d'ese in ta tore de Babele! Zu mentre l o me gia a-o largo, lando ululare comme un can piggiou a casci... ammoggiandose derr a-o caregon da lalla Benardnn-a, a un metro da-o televis.

- Ah, sci?... - continuo mi. - Aspeta, aspeta. - E te metto in funzion anche questo.

O l' un finimondo. Passan in sci schermo orchestre e cantanti gianchi e neigri. Trombe, saxofoni, batterie, bocche spalancae; donne co-o ballo de San Vito, ommi co-e convolscioin...

- Basta! Basta!... Pietae!... Ma... Ma... cose-o l' questo ramadan?... - o se lamenta, mangiandose i mostasci da-a puia.

- Muxica! Muxica di nostri tempi!... E quella gente, a comparisce chi da tutte e parti do mondo; comme ercavi de f voiatri co-a boccia de cristallo. E aoa scia fille sci, in scia terrassa; veuggio faghe vedde dell'atro.

- No, no!... Vixoin infernali!... Basta!... Basta!...

- In scia terrassa!... ghe ripeto acciappandolo pe-o roobon e tiandomelo appreuvo...

Da-a terrazza se domina a ittae. Miggiae e miggiae de luxi se riflettan in sce l'aegua do porto... montan in lunghe righe verso e arte, mentre a Lanterna a d de gren sciabbrae luminose a-o sco da notte.

- Zena!... - ghe brbggio in te unn'ogia, rantegando de goa comme un diao accostippou.

- Zena!... - ripete o meschin, sbalordo.

O resta l pe un p co-a bocca averta, e poi o ghe d inderr; o se cega in ta riverenza o f torna rondezzo cappello:

- M'inchinn-o e me prosterno. Mai potenza d'ommo o de diao a l' arriv a tanto. Me daggo vinto Mess. Ma non pe questo scia l'arriesci a asmort o feugo co ghe bruxi a carcassa un bello giorno. O m' successo a mi, e pe tanto meno, de fin i mae giorni in sce unn-a fascinn-a secca. Scia fasse pre scompar a vixon. N'ho basta!...

- Ma che fascinn-a! E che bruxiou!... Ohu, amigo!... Questa a non l' unn-a vixon, a l' realtae bell'e e bonn-a. Mi son un'ommo comme tutti i atri, anzi, meno di atri...

- Meno di atri?... - o me f l maaveggiou.

- Ma se capisce. Cose scia veu che segge mi de fronte a-i scienziati che han ottegno a scission dell'atomo... C'han inventou i missili... Creou di pianeti artificiali e che stan za stddiando de and in ta lnn-a?...

- Comme? Comme?... - o me f tutto sciatou - Tutto quello c'ho visto a non saieiva opera de neigromanzia?...

- Ma manco pe rie! Realizzazioin dell'inzegno di ommi...

- E scia pensan de arriv anche in ta lunn-a?...

- Da un momento all'atro.

- Ah, no, eh? Oh, pa de no e de na!... A lnn-a a l' a nostra! A non se tocca. Proprietae priv, de strie, di maghi e di neigromanti, da quande o mondo o l' mondo. Senza ciaeo de lnn-a non se combinn-a ninte...

E cox dixendo, senza dame tempo de arv bocca, o se asbra propio a n raggio da lnn-a, e-o te ghe d ttto sci, derr a n ratto pernugo pipistrello co ghe f da guidda.

- n momento - ghe cro appreuvo - o ciaeo de lnn-a non ve-o levi niscin. Scia vegne chi...

- No, eh? - o me risponde affermandose un pittin. - Ne s quante basta di vostri scistemi. Pe-e sette corne de Berlicche!... Scia credde che non l'agge visti i contatori da luxe in casa s?... Unn-a votta arrivae lasci, scia ne mettian a tascia in scio ciaeo. E se non poriemo pag... tacchete! Scia ne l'asmortian o ciaeo de lnn-a, senza sent raxon. Vaggo a d l'allarme.

E-o ripiggia a dasela tutto sci... tutto sci, sempre ci aspeda, faxendose sempre ci piccin, finn-a a spar do ttto co-o s cappellon e-a cimma de gallo.

Fantasie? Peu dase. Ma demmo tempo a-o tempo, e ghe veddiemo...

EMILIO DEL MAESTRO

E gh'a asc n pittin de pbblicitae!

[ Inderr ]