Pasquale Taraffo
zeneise@francobampi.it
 

Intr > A rivsta Zna > Pasquale Taraffo
[ Inderr ]
Pagina primma ] Pagina doppo ]

Grafia originale

 

    

Unn-a seja d'Arv, do lontan 1937, miva a Buenos Ayres un di ci grandi artisti che possan rende orgogliosi i zeneixi: Pasquale Taraffo, dto Rua. Quella seja Zena e l'Italia perdeivan un ommo ch' l'a simbolo vivo do nostro temperamento geniale; un ommo piccin, semplice e modesto ma tanto abile co-a chitra da divent n autentico fenomeno.

I zoveni fscia creddian esager sta parolla; ma pei vgi, pe quelli che ricordan i tempi de Portoia pinn-a de vitta, quande Rua s'occupava ci da muxica che da s ostaia, san cose voeiva d sent sonn Taraffo. E o ricordan stessa mana anche in America dove o l'a andaeto anche pe accompagn a voxe malinconica d Cappello.

O Paganini da chitra - cosc ciammavan - l'aveiva o grande merito de vegn da-o popolo, de sise faeto da solo. A nuv'anni o fava z i primmi accordi: impar da s poae, un ferr ch'o l'aveiva misso a-o mondo dozze figgi, di quae n'a sopraviscio quattro, tutti muxicisti d'istinto comme l.

A quelli tempi i sonnoei an tutta gente semplice, pinn-a de voentae e de pascin che ercavan co-a s senscibilitae d'artisti de tent sempre ci diffiili accordi. L'abilitae eccezionale do Taraffo, quando o l'ea ancon zovenotto, a l'ea parta dai conseggi e insegnamenti de tutta quella schua de chitaristi ch'a vantava Zena fin do secolo passu. Son nommi arrestae in t'a memoia de pochi, ormai; ma che alla ean famosi, comme Ninotto, Scevola, Frasinetti, Cammarata.

A vint'anni Taraffo o piggiava parte in Spagna a un concorso internasionale. No solo o conquistava o primmo premmio ma o vegniva conscideru un fua classe. Tanto da comens a tegn conerti; in teatro o in varieta, davanti a scignori o a personn-e modeste: ghe bastava che stessan a sent. No gh'importava manco de fse pag. Piccin de stata infastido da-o vest da seja, o l'intrava in palcoscenico squaexi de corsa; o psava a chitra in sci sostegno e o comensava subito a sonn.

In te l'Ottobre do 1925 i giornali de Buenos Aires annunziavan s trionfale debutto in America. Niscin conosceiva ma l'ea bastu che el seor Taraffo o l'avesse piggiu in man a grossa chitra a quattorze corde e ch'o l'avesse sonnu Capriccio arabo di Tarrega, a sinfonia da Norma e quella da Semiramide - ch'a l'ea o s cavallo de battaglia - pe suscit ci cdo entusiasmo propio in to popolo ch'o conscidera a chitra comme un strumento nazionale.

Da quello momento o Rua o l'ha diviso a s attivitae fra l'America e l'Italia. Lontan da Zena o no poeiva st e reciammo di s dui figgi, quando o se fava troppo forte, costrinzeiva a imbarcase pe ritorn. Ma un de sti vigi o l' staeto sensa ritorno. A vigilia de un grande conerto, ao Teatro Coliseo de Buenos Ayres dove o doveiva accompagn o s amigo Mario Cappello, o l'ha dovuto se ricoveru all'spi pe urgente operazin de ulcera. Trei giorni doppo, a scienza di ommi a se dimostrava inutile contro o destin. Pasquale Taraffo, a inquant'anni, o lasciava sta vitta e o dolore in tutti quelli che l'aveivan conoscio.

A Compagna de Zena, con unn-a nobiliscima lettera Famiggia Zeneize, a reclamava a salma do famoso concertista pe seppellila con solennitae in to Camposanto de Staggen. Ma pe tanti motivi no l' staeto poscibile. A Zena son invece ritornae e ce cose do Rua, compreisa a s chitra che a sci Taraffo e a figgia Stefania Poggi han offerto a-o Comune

A vint'anni de distanza i zeneixi no han scordu Taraffo: no se ne scordian mai. E scicomme o sai sempre un motivo de orgoglio, vorrievan che quarchedun piggiesse l'iniziativa de f port i s Resti, da-o Camposanto argentin da Chacarita a quello da s ittae natale.

Anche se difficile, pe-i zeneixi a saieiva un'impreiza doverosa.

ETTORE BALBI

[ Inderr ]