Lettera averta
zeneise@francobampi.it
 

Intr > A rivsta Zna > Lettera averta
[ Inderr ]
Pagina primma ] Pagina doppo ]

Grafia originale

 

Co Balbi,

Ti me domandi un pensiero pe-a t nuva bella rivista e m fao voenta perch son convinto che ti devi se aggiuttu in t'o t coraggioso sforso. In tempi comme questi de tanti intellettuali vui e sciolli che pretendan de arranc tutto sensa save cose rimediaghe, nisciunn-a opera a 1' ci degna de quella ch'a tenta de conserv o patrimonio da lengua zeneize: quella ch'a se parlava in ti fondaghi d'Oriente quande imo grandi e ch'a l'impiva d'orgoglio Quello ch'o l'ha scoverto un nuvo mondo.

M me domando per se ho diritto vostra ospitalitae perch no son zeneize d'antiga origine e in t'a mae famiggia gh' staeto gente de Sardegna, de Spagna e de Riva: o Mediterraneo ao ento pe ento, Ma sto diritto spero d'aveilo per mae grande am pe Zena che conscidero - doppo avei giou pe tanti anni o mondo - comme a ci bella ittae d'Europa: unn-a ittae dove spariscian comme bolle de savon e iniziative da cosc dta mondanitae, ma dove tutti, dai ci illustri ai ci umili obbediscian lezze do travaggio, E Zena a l' anche a ittae ch'a liquida con un solo aggettivo abbastanza esprescivo - anche se ch o no se pu ripte - tutto quello ch'o deriva da-e fanfaronate e da-o difetto de dse de ie. Ho dto che Zena a l' a ci bella de ittae europee. Avieiva dovo d ch'a l', primma de tutto, a ci seria.

Foscia pe questo a no domanda ninte a niscin e i Governi se ricordan cosc poco de l.

ITALO SULLIOTTI

*  *  *

Zena a poco a poco a sta diventando a New York d'Italia,
gh'ammanca ci o quart cineise.

[ Inderr ]