Grazie, Zeneixi
zeneise@francobampi.it
 

IntrÔ > A rivýsta Zŕna > Grazie, Zeneixi
[ Inderrŕ ]
Pagina primma ] Pagina doppo ]

Grafia originale

L'accoglienza che n'ei dimostr˘u a l'ha pass˘u i limiti de qualunque previxon. Appena misso in vendita o primmo numero de sta rivista, l'Ŕ cominš˘u a inversase in redazion muggi de lettere, de cartolinn-e, de giornali, de libbri che paivia d'Űse Ô posta centrale.

No ˘ creddeivimo mai ci¨. O speravimo tanto in nomme da nostra Zena, da nostra parlata ma aivimo tanta pűia de no Űse capii, d'Űse piggiae pe i soliti źsporcaquaderni╗ che han tempo e palanche da cacciÓ via. Invece emmo ascistţo ao miracolo de vedde a rivista esaurţa e de doveila ristampÔ pe no scontentÔ tutte quelle personn-e che, ritornae da-a villezzatűa, ean arrestae sensa.

E lettere ch'emmo riševuo son squaexi tutte in zeneize e questa a l'Ŕ a cosa che ci¨ a n'ha faeto piaxei. Certe son staete spedţe d'in šittae ma tantiscime son arrivae da tutte e parti d'Italia e dall'America dove gh'ea di nostri frae che sentivan o bezŕugno de fÔne capţ a s˛ gioia, a s˛ commosci˘n.

No emmo vergheugna a dý ch'emmo ciaento. E parolle semplici e sincere, i conseggi, l'incoraggiamento, magari a critica dűa ma senza cattiveia - comme san fÔ solo i liguri - n'han tocc˘u profondamente o chŕu e n'han compens˘u pe tutti i sacrifiši e-e fadighe ch'emmo dovűo affrontÔ pe fÔne leze.

N'ha faeto tanto piaxei anche i mugugni: anche se šerte critiche l'aspŰtavimo ed eimo pronti a risponde. Comme a polemica da grafia, ch'a ne portieiva tanto lontan. In zeneize nisciun scrive a-o stesso moddo e ognun credde de seguţ o metodo giusto. NoiÔtri n'˘ pretendemmo e comunque faiŕmo do nostro megio pe uniformase in sce unn-a grammatica źstandard╗. Ma pe o momento ne pÔ ci¨ utile fÔ di sbagli ciűttosto che no concludde ninte comme quelli che restan soli - e no tentan manco de fase accapţ da-i atri - a studiÔ in sci÷ pass˘u.

Noiatri sentimmo o doveý d'Űse zeneixi d'anchŕu e no de vei. O pass˘u, semmai šerchemmo de ricordaselo quande l'Ŕ poscibile; ma tegnimmo sempre presente che i tempi cangian, che e lengue se trasforman e che l'Ŕ necessaio, se voemo mantegnţle vive, tegnise in sciÔ stradda de mezo ch'a l'Ŕ poi sempre quella giusta.

A tutti quelli ch'han vosciűo dimostrÔne a s˛ simpatia, scrivendone, aviescimo vosciűo risponde. Ma l'ea imposcibile. Ringraziemmo Ôoa, a sta manŰa, quarchedunn-a de ste cńe personn-e, senza offeisa pe quelle che dovemmo ascordase pe via do spazio: o sci˘ Davide Borneto ch'o n'ha mand˘u un libbro de poesie; Ezio D'Oria ch'o n'ha scrţto da-a Valle d'Aosta; o commediografo Emilio del Maestro, Piero Bozzo da Torin, Giovanni Cattanei, Mario Rivello da Moassann-a, Ettore Chiappe da Reggio Emilia, o profess˘ Alfredo Gismondi, o sci˘ Carlo Parmini, o sci˘ Giuseppe Calza e tanti, tanti atri...

Grazie, zeneixi, tante grazie.

*  *  *

A Lanterna a se vedde da 40 miggia,
ma a se ricorda da 20 m´a kilometri.

[ Inderrŕ ]