No gh'Ú solo i scemellen!
zeneise@francobampi.it
 

IntrÔ > Mi chi > No gh'Ú solo i scemellen!
[ Inderrŕ ]

Bollettino źA Compagna╗, n. 2 - Mar.-Apr. 1993

O vocabolaio o dixe...

no gh'Ú solo i scemmellen!

Franco Bampi

Se domandae a un zeneize per c÷se o l'Ú famoso o Paddre Angelico Federico Gazzo l'Ú fašile che ve sentţ risponde coscţ: źpe avÚi traduto in lengua zeneize a Divinn-a ComÚdia de Dante di ArdighÚ!╗ Quae a segge a vostra opinion in sce questo travaggio (1), resta o faeto che in ta tradussion o Gazzo o s'Ú sfors˛u de mantegnţ o Zeneize o ciű veaxo poscibile pe avÚi a soddisfassion

źdi dimostrare a tutti la latinitÓ e intima italianitÓ del nostro idioma, cosý poco conosciuto e tanto calunniato; provando col fatto la sua idoneitÓ a trattare con precisione e sveltezza le materie pi¨ sublimi, esatte e imaginose╗.

Questa affermassion a l'Ú sottoscr´ta da Ang. Fridericus de Gazzis Genuensis in ta pagina VIII da Divinn-a ComÚdia.

Seguo comme son de questa veitae, anche mţ, da-e pagine do nostro Bollettin, šerco de proponn-e in lengua Zeneize o mae viaggio in to vocabolńio pe spaziÔme insemme a vińtri tra e parolle zeneixi. E ancheu no v'aššimmentae se chţ no lezziÚi e sublimitae che han ispir˛u o Gazzo, ma solo parolle differenti pe ciammÔ un scemmellan. Segge ciaeo che no parli˛ dŰ parolle do gatto, quelle san dţle anche mŰgio i scemmellen! Veuggio invece ritrovÔ quell'antiga vergheugna ch'a no n'ha mai imped´o de esprimme e nostre idee, ma ch'a n'ha stimul˛u a tegnţ o ton do discorso de longo ńto.

Alloa šerchemmo insemme in to vocabolńio e parolle che se peuan deuviÔ pe indicÔ un sciollo, 'na personn-a poco furba. Anche queste son parolle zeneixi e anche queste se perdiÓn, se nisciun ne e sovvegne ciű. Devo precisÔ che pe questa rišerca o Casaccia o l'Ú 'na minŰa d'÷u perchÚ anche lŰ, comme i ńtri vocabolńi storici zeneixi, o l'Ú ciű tosto castig˛u. D'ńtra parte, se voemo conosce e parolle do gatto e arvţ un barcon anche in sce quello caroggio, basta ammiÔ in to libbro do Michelangelo Dolcino źE Parolle do Gatto╗. Semmo aoa pronti pe partţ. Allŕ! Vetturin monta in scerpa, molla e brille e fanni annÔ 'sta rebellŰa!

Comme primma c÷sa ve sovvegno che quande un ommo o l'Ú mezo addorm´o e o no l'Ú guaei pronto in to capţ e in to risponde alloa poemo dţ ch'o l'Ú allu˛u, imbńgi˛u ˛ sturd´o; se poi no semmo segűi che in ta testa o l'agge anche do saeximo va ben ciammÔlo ascemmell˛u, ascemm´o, svai˛u, sguai˛u, svent˛u ˛ sciaccaelo.

Gh'Ú poi differenti nommi pe riferţ se a un scemmellan: son convinto che ognun de noińtri o sentiń in te diverse parolle un peiso, 'na forsa, 'n'ironia, 'na bonarietae ˛ 'na raggia e 'na capašitae d'offende soggettive e personali. L'Ú pe questo che gh'Ú chi preferisce ciammÔ un scemmellan in ńtri moddi, comme babazzon, beccellan, baggian, batteston, benardon, betordo, patatucco, stivÔ, tabÓno, tananucco. A chi ghe piaxe tiÔ a mŰzo anche e bestie o peu dţ che un scemmellan o l'Ú un besugo oppure un ÷xellon. Ma no scordemmose che un scemmo o se peu ciammÔ anche messŕ, comme o fa o Martin Piaggio in ta fin de 'na f÷a:

...ti Ű un messŕ:
Se ognun fava o so mestŕ
I mae bae saeivan ne-o pr˛u
NÚ m'aviesci assascin˛u!
(O Past˘ e o Cacci˛u, M. Piaggio)

Va anche segnal˛u che o proverbio chi balla senza son, o l'Ŕ un matto ˛ppu mincion! o no ne da solo un conseggio in sce comme fa pe riconosce un scemmellan, ma o ne informa che a parolla mincion a no l'Ú giudicÔ unn-a parolla do gatto.

Aoa, pe no fÔ torto a nisciun, beseugna tegnţ a mente che no gh'Ú solo i scemmi: gh'Ú anche i nesci. Coscţ un ommo abbess´o, ˛ imbess´o, o l'Ú d´to babilan, bac˛gi, barbanella, bonellan, braghŕ, broddÔ, bullibae, lappasucche, mangiapolenta, pampalugo, panissÔ, perdibraghe, perdisbroggio. E se proprio no voemo lasciÔ stÔ e bestie poemo deuviÔ e parolle bibbin e marmotta.

Pe no terminÔ questa mae gita proprio tra scemmi e nesci, permettÚime de indicÔ anche i nommi da gente asperta, de quelli che san comme vive ben. In scio vocabolńio scrovimmo che se peuan ciammÔ ast˘, fanesci, fillon, gancio, t÷metto. Purtroppo capita de spesso che i furbi diventan di bruttoi: alloa beseugna cangiÔ i nommi e ciammÔli battibirba, bonn-a lann-a, casanetta, cifutti, gianfottre, mastrussŕ, pissafron; quande son bulli da rŰo ghe dimmo mńfiaddo, malemmo, trattamÔ.

Coscţ o Zeneize di nostri vŰgi. Ancheu noińtri emmo un compito ciű delic˛u: quello de no scordÔse de queste parolle de Zena, ma con l'impegno de no divegnţ di belli agibbi o di zeneixi pin de lascimesta: e anche questo pe-a nostra Zena.

Scignoria!

1 Se ghe n'ei coae, dae 'n'euggiÔ ai duţ scr´ti de FIORENZO TOSO, Versioni genovesi della Divina Commedia (I) e (II), A Compagna, Bollettin nn. 1 e 2 do 1991.

[ Inderrŕ ]