A ci grande festivit
zeneise@francobampi.it
 

Intr > Mi chi > A ci grande festivit
[ Inderr ]

Gazzettino Sampierdarenese, N. 11 - Dicembre 2006

O Natale dancheu

Na magn de pensci in sci ci grande festivit cristiann-a

Franco Bampi

Cse vegne in cheu sentindo a parlla Natale? A mi a me fa subito pens a na parlla zeneize ci antiga: dn, puro latin: die natale (giorno natalissio) opp dei natale (o giorno quande l nascio o Segn). A-i ci tanti, mi penso, a sovegni e tradissioin de vi: a poexia reit da-o ci piccin in imma a na carega e o pranso de Natale, che inti tempi pass, quande o mangi o lea pco e a famme tanta comme a bra, o lea noccaxon pe impise un p de ci a pansa con quarcsa de bon.

Fscia, per, saieiva da domandse cso segge o Natale ancheu. Tanto pe incomens, o prespio o sta cian cianin sparindo da-e case. E pens che chi a Zena a tradission do prespio a no l segonda a quella de Napoli! Ma... ancheu se fa lerbo! Tradission foresta comme quella da succa veu, dita de Halloween, cha sta piggiando o psto de nstre usanse do giorno di mrti.

Ancheu de Natale a gente a l tutta invexend. A core da na parte a latra; e machine a-a fan da padron e l quxi imposcibile attrov un pertuzo pe posteggi. Sc, l vea, gh anche tante luxe che fan alegria, ma lerbo che da n p de tempo in sa o Comun o mette a De Ferrari o l sempre ci piccin e magro. Va a fin che tra quarche anno ghe mettian na penlla con dtr ramme attacc e quarche pendalcco appeiso.

Parolle da no scord.

andio: abitudine
bn (detta con la o italiana): basta
bra: miseria
coma l cha l: come sia sia
demose: divertirsi
dtr: due o tre (forma femminile, al maschile dtrei)
faxeu: fagioli
giandette: i cilindretti con sopra i numeri da estrarre
invexend: eccitata, indaffarata
linsemmo?: lo incominciamo?
no ghe n goi: non ce n molta
pendalcco: pendaglio, ciondolo
penolla: palo lungo di legno con cui i muratori facevano i ponteggi
pertuzo: buco
pu: per il
feuggio: alloro
smagiaxon: prurito, desiderio di qualcosa

Natale a l na festa de casa, o giorno che e famigge stan insemme. Coma l cha l, a-a giorn dancheu tanti, pe-a smangiaxon de mescise in go pu mondo, han piggiu lndio de pass o Natale lontan da casa. E cosc anche stoccaxon pe-e famigge de sta insemme a ciacciar e a demose, magara zugando a tmbola tra giandette e faxeu, a vgne sacrific into nomme da modernit.

Natale o l anche o tempo di regalli. A pensghe ben, saieiva megio d che i regalli son lnica preocupassion da gente cha va in go. E za: a festa cha nargrda de quande o l nascio o Segn a sta cianin cianin perdendo a nata de festa religiosa pe vegn unn-a de mille occaxoin pe f spende i din a-a gente. E sciben che se digga che e palanche non son mai abasta, stanno chi a amighe drento a-e biteghe, gente no ghe n goi. Sai perch, pe regallo, ariva da Romma de notissie che non son prpio de ci belle: ne dxan e ne riptan che beseugna f di sacrifissi! E pe ese segi che i sacrifissi i faiemo pe n davei, ne faian pag ci tasce!

E pens che i Zeneixi, quande Zena a lea Republica indipendente, ean ben ben ricchi!

Bn. Segge comma segge, gdmmose anche sto Natale chi e magara, dppo avei ciantu na rametta dfeuggio into pandoe dimmo, comme diva i nstri vegi: linsemmo?

[ Inderr ]