Radiotelefonia
zeneise@francobampi.it
 

Intr > ...e chi i tri > Mesccia > Radiotelefonia
[ Inderr ]

Gh' a giorn d'ancheu a mania
Da radiotelefonia
Con a quae (bench distante)
Poei sent sedta stante
Comme foisci da vixin
Cose dixan da Pechin.

L' pe ttto l'niverso
(Che ne vegne da ogni verso)
n'incroxo de cantate
De discorsci, de snnate
Che magara da Milan
Van a Limma e a-o Turkestan.

L'apparecchio pe rieive
O poei fa con poche speise
0 l' comme nn-a cascetta
Con addosso nn-a trombetta
E applicou du releuietti
Ch'han in mzo du pometti
Ci nn-a croxe contorn
Da di f comme a tagn
Che d'invece de moscoin
A l'acciappa canti e soin.

E con ttto l'armamento
D'ingredienti che gh' drento
S'o vivesse mae messio
0 dieiva che o l' o Diao
Ma per a giorn d'ancheu
Gh'accapisce anche i figgieu
E defaeti o manovrae
Co nn-a gran failitae.

Con trae paole in t'n momento
Ve spieghi o funzionamento:
Voei sent mettemo o caxo
n conerto faeto a Traxo?
Mettei primma in diression
A tagn con precision
E poi giando i du pometti
Che l' in mzo a-i releietti
Regolae ben a distansa
Quande a mxica a s'avansa
A va drento in ta tagn
E a trombetta a fa snn.

Ma sccede spesso o caxo
Che credendo d'se a Traxo
Sei andaeto ci lontan
E arrivu scinn-a a Milan
Pe rieive da Torin
'Na snnata de violin
Pianoforte e contrabasso.

Tutt'assemme o Castellasso
O se mette a pettezz
No se sente ci snn,
Ma nn-a voxe mza roca
Che a l'annunsia fioca fioca
'Na reclamme da Berlin
Pe l'inguento pellegrin.

Voi pensae con sti contrasti:
Da sta parte gh' di guasti
Pe attrov nn-a via ci bonn-a
V'appuntae in sce Barellonn-a;
Questa votta ei faeto centro
Sei a posto in t'n momento
L'apparecchio o ve p n'tro,
Sent paegio comme a-o teatro
O rond do Rigoletto.

Ma in to mentre spara n petto
Che (bench a segge distante)
0 p faeto da-a cantante
E pensando a st'invension
Pe a quae qualunque son
Attraversa i monti e o m
No gh' ci da dubit.

Poi piggiae n'tra distansa
Senza voei ve trovae in Fransa
Dove invece de Franeise
Sent n giapp in Ingleise:
Questo pezzo o l' fino
M se canta o Sole mio.

Chi s'inversa torna e carte
N'accap ci da che parte
Vegne a comunicassion
Perch gh' nn-a confxon
De cantate e ritornelli
Gnaere e fischi de scigoelli
Soin de armoniche, organetti
Violoncelli, clarinetti
Trombe, corni, bombardon
Saete e colpi de cannon,
Poi fracassi sconoscii
Che pan rlli de tambi
E violin che fan di trilli
Da fa concorrensa a-i grilli
Voxe comme i pappagalli
Che reclamme fan pe-i calli
Tramezzae da scinfonie
E discorsci che fan re
Faeti in lingue sconoscie.

N fino ancon ste batte
Che sent n'tra reclamme
De sasisse e de salamme
Che a ne vegne d'in ta Chinn-a
E nn-a casa Pariginn-a
Che a gh'ha i guanti di ci fin
Faeti a modda de Berlin.

Ma l' mgio che a finisce
Cse lunghe vegnan biscie
Solo di pe conclxon
Se in te tanta confxon
Se trovesse mae messio
O pensiae: Gh' propio o Diao.

Raffelin

[ Inderr ]