zena@francobampi.it
Inder
Gazzettino Sampierdarenese
Anno XXXVI - N. 6 30 Giugno 2008

In zenize co-o Crlo
Franco Bampi a colloquio in genovese con
Carlo Tardito, lorologiaio di Piazza Vittorio Veneto.

F: Bongiorno, sci Carlo! Cse sci me conta ancheu?

C: Veddo che t in bonn-a, Franco. Ti me d adreitua do vosci! Ben, te conti in fto sucesso primma da gora. Ma primma dimme na csa: ti-o s cse son e stamane?

F: Sego! Son quelli legni de barche che van da-a chiggia a-o brdo a-e qu se colega o fasciamme.

C: Bravo! Ma aregrdite che quande un o lia de brasse frti se ghe diva: o l e stamane bonn-e.

F: ua che semmo sta csa chi, vanni avanti.

C: Un p comme cpita anche a-a giorn dancheu, un erto giorno, into nstro prto ghea na gara di gossi. E ti s chi ghea a vedde a gara?

F: Non savieiva...

C: Ghea o r! Prpio l: o Vittorio Emanuele Terso! O sciaboletta.

F: E dghia! Sti Savoia de longo tra i p, con tutto o m chn fto a Zena!

C: Lascia perde e stanni a sent. A gara a finisce e un di gossi naturalmente o goagna. Cosc o r o l voscio complimentse co-i remoei e o l incomensu a d: Bella gara. Con una barca cos agile e veloce siete riusciti a vincere.... A sto ponto chi un remu o l scciupu e o gh dito: Non la barca! Sono le stamanate!

F: Stamanate per stamane, brasse bonn-e: insomma in bello italian azeneizu!

Inder