IN SCI CALADDA
zeneise@francobampi.it
 

Intr > ...e chi i tri > Carlo Tardito > IN SCI CALADDA
[ Inderr ]
Pagina primma ] Pagina doppo ]

A-a mattin fto,
in sci caladda,
gh'eivimo in tanti.
E in to baillamme
di camalli,
i cri di caporali,
stavimo a aspt
che careghessan o cro.
L'a bello scangi
du discorsci co-i colleghi,
tra 'na boccon de brenno
e l'tra,
e vedde quei ommi
che se davan da f
pe scareg careg
i vapori.
Vedde e mancinn-e
con e bragae de sacchi
che andavan sci e z
sensa riposo.

Poi o l'arrivava o padron,
e con a man in ta cavezza,
o n'avvertiva che
o carego o l'a faeto:
l'a l'oa d'and.
E se partiva.

Co-o cro pin
attravers a ittae
o l'a un gran giamin,
co-i zeuccai
che scggiavan in sce-e lastre
in sce-e colisse do tranvai.
Alloa o strafunsin
o te sccioccava
in mzo a-e oegie,
o te dava forza,
o te spunciava
senza toccte
Dio n'avarde!
O mae padron
o no m'ha mai pessigu;
o criava, sc,
o tiava,
o giastemmava,
ma o l'ha sempre
capo a mae fadiga.
A chi stava a vedde
paiva foscia
ch'o me vose m,
ch'o me frstesse.
Ma quande
s'arrivava,
tanto che scaregavan,
in to sacco do brenno
ghe trovava due carrubbe.

Eh sc!
O padron o sa,
o se arregorda
cse emmo passu.
O se arregorda
quande i battosi
ne corrivan appreuo
pe st in sci cro
e l, co-a scurri,
o i mandava via,
pe-a pua che se fessan m.

E quelli che
accuggeivan i nostri scarti?
Anche quelli
servivan a f
ci profummu
o baxaic
e o romanin
missi in sci barcon.

Oua semmo
arrestae
in trei o quattro,
vgi e stanchi
e senza lau.
Oua gh' i autotreni
che te impan e naixe
de fmme,
e macchine che han prema.
No gh' ci
e colisse do tranvai,
no gh' ci e lastre.
Oua gh' l'asfalto
e ti ghe metti troppo
a f o trasporto.

A-a seia, in ta stalla,
penso ai tempi passae:
a-o fen fresco,
a-e carrubbe,
a-o profmmo de m,
a-o romanin in sci
barcon.
Oua, in ta veggiaia,
anche o padron o
s'accontenta,
o cro squaexi veuo,
anemmo ci cianin.
Pe noiatri no ghe n'
prema.
A prema
l'ha
invent l'ommo
e o n'ha scartu.
Passiensa.
Foscia
l' mgio cosc.

O cavallo do porto.

Carlo Tardito

[ Inderr ]