Cartello separatista
zeneise@francobampi.it
 

Home > Genova diventa Zena > Cartello separatista
[ Indietro ]
 

Il Secolo XIX Domenica 9 dicembre 2001
LETTERE

Il signor Mirko Simonetti si Ŕ scandalizzato per la comparsa di un cartello con scritto Zena.

Anche se sono marchigiano e vivo a Genova da tanti anni, devo dire che a me piace questo cartello e ben fanno le autoritÓ a non toglierlo anche se Ŕ abusivo (comunque Ŕ ben fatto). Il signor Simonetti, invece, si scandalizza e vorrebbe solo cartelli in lingua italiana. Certamente egli avrÓ fatto le stesse rimostranze all'Alto Adige, che si ostina a volere cartelli in italiano e in tedesco, pur essendo anche quella regione Italia. GiÓ, ma chissÓ perchÚ l'Alto Adige deve preservare la sua identitÓ con tutti i privilegi anche assurdi che le altre regioni non hanno, e invece gli altri se mettono un cartello in dialetto sono dei separatisti (da come si deduce dalla lettera).

Egregio signor Simonetti io ho vissuto a lungo in Svizzera, dove funzionano alla perfezione i Cantoni (equivalente delle nostre regioni) e spero vivamente che anche l'Italia diventi come la Svizzera.

Gian Paolo Buttignol
Genova

[ Indietro ]