Preboggion
zeneise@francobampi.it
 

Intr > A lngoa > Cosc cosc, ben ben no guaei > O preboggion
[ Inderr ]

Arasci ] Bordigha ] Camoggi ] Casarsa ] Magon ] Milleximo ] Montto ] Neuve ] Ni ] [ Preboggion ] San P d'Aenn-a ] Savonn-a ] Vze ]

O preboggion o l' 'na mesccia de ortaggi e de erbe ch'a serve pe prepar e menestre, de spesso quelle co-o riso. Pe questo o se deuvia asc pe indic confxon, disordine.

Gh' da creddighe?

Inte 'n cdo doppodisn do lggio do 1097, se sente forte i reciocchi da campann-a. Quello o l'a o segnale stabilo da-a Compagna associazione mercantile e militare del popolo genovese pe ciamm i zeneixi a-o Parlamento assemblea generale del popolo genovese. Comme mai? Cse l'a mai sccesso?

Ttto o popolo zeneise o cre in gexa e l o te gh'attreuva du vescovi foresti e o famoso Ghigermo d'Imbraeghi Guglielmo Embriaco detto Testa di Maglio. I quae dixan a-e gente che beseugna dse da f pe d 'na man a-o pappa Urban II dunque a Crox parta in to 1095 a poeiva fall. Serviva di mainae, da gente bonn-a a vog, co-a voentae de f n travaggio do... ma sensa piggi n citto! E, stae 'n p a sent, ttti i zeneixi l presenti se son offerti... de badda! Ma, non se sa ben o perch, o Ghigermo o l'ha voscio che i zeneixi zessan in gexa questa disponibilitae ch'aivan manifestu.

Insomma, comme sae sae, i zeneixi saieivan parti pe-a Crox. Sccede per che in to prepar e cse pe-a partensa, dexe giorni primma de part mancava ancon o mangi da portse appreuvo pe-o vigio e pe-a guaera. Alla 'na domenega, drante a Messa, o vescovo de Zena, Oggiero, o decidde de esort i zeneixi a port a-o Mandraccio Mandraccio, il porto dalla parte del Molo Vecchio ttto quello che aveivan allgu allg = riporre per conservare o nascondere pe f da mangi. E inte quella tersa domenega de lggio l' sccesso 'na csa da no credde: a-o porto gh'a 'na lunga fa de donne, che portavan roba pe imp a nave: e primma de neutte a nave a l'a bella carega!

Anche di ommi da Compagna an anaeti in go a esort e famigge a d da roba pe-o Buggion Goffredo di Buglione. E sbraggiavan in zeneise: Pe-o Buggion, pe-o Buggion. L' cosc che l' sciorto feua a parolla "preboggion" pe indic e verde do menestron zeneise.

Piggiu da Vittorio Giunciuglio, I sette anni che cambiarono Genova (1097 - 1104),
Don Bosco, Genova, 1991, p. 87-88.