Arasci
zeneise@francobampi.it
 

Intr > A lngoa > Cosc cosc, ben ben no guaei > Arasci
[ Inderr ]

[ Arasci ] Bordigha ] Camoggi ] Casarsa ] Magon ] Milleximo ] Montto ] Neuve ] Ni ] Preboggion ] San P d'Aenn-a ] Savonn-a ] Vze ]

Arasci Alassio, in provinsa de Savonn-a, a l' famosa pe-a miagetta, pe-i baxi e pe-a spigia.

Gh' da creddighe?

In to 936 l'a vegno re da Sassonia Otton I, o Grande. In te quello tempo, 'na cobbia de sposi, pe voto, a decidde d'and a Romma. Mentre an in Piemonte, a Sezzadio, vixin a Acqui, a sposa a l'ha misso a-o mondo n bello figgin, Aleramo. No poendolo port con litri, l'han lasciu l a 'na mamma balia, nutrice pe poi piggilo in to vigio de ritorno. Ma tornando inderr i du sposi s'an amaotti e an morti e a maexima csa a l'a sccessa a-a mamma. O figgieu o l'a dunque arrestu solo, ma o l'a cosc bello che 'n scignoro ch'o l'ha visto o l'ha voscio portlo a-a corte do re Otton, in Germania. Otton o l'ha apprexu quello figgieu e, pe questo, o l'ha faeto intr in ta seu corte.

ua sccede che a figgia dell'Otton, Alasia, a s'innamoa dell'Aleramo. Se sa comme van ste cse ch: l'Alasia a l'ha misso tanto a perde l'Aleramo che n bello giorno i du son scappae da-a Gemania e se so' arretiae in Ligria, in sci costa do monte Tirasso. Pe vive l'Aleramo o fava o scciappu taglialegna, spaccalegna e poi o carbon, e l'Alasia a ghe dava 'na man. Doppo dexe anni i du aivan misso a-o mondo ben sette figgieu. De tanto in tanto l'Aleramo o chinnava z a Albenga. E propio l n erto giorno o l'ha visto n gran remescio. Cse sccede? o domanda a-o cheugo. No ti ou sae? Vegne ch o re Otton, pe combatte i Mi! i Mori, i Saraceni o ghe risponde.

A questo d l'Aleramo o s' scitu e o de sprescia o s' arrampinu sci dall'Alasia a dighelo. Mae poae - a ghe risponde l'Alasia - o l' 'n ommo de bon cheu, o ne perdoni, Andemmo z da-o vescovo, contemmoghe a csa e sentimmo quae conseggio o porri dne. E cosc han faeto. Quande o vescovo o l' staeto informu o l'ha dto: Miae, che l'Otton o l' z ch! E o l' arraggiu comme 'n can. O dixe che ch o mangia m e o no l'arriesce a attrov de requie. Pensa che te ripensa, a-a fin han deciso de f parteip l'Aleramo a-o torneo co-a banda do vescovo. E l'Aleramo, no gh'a dbitne, o l'ha gugnu. Pe questo o l' staeto rievo dall'Otton.

Cosc l'Aleramo, co-a mogg Alasia, o l' andaeto da-o Re, ma o l'ha mandu avanti i seu sette figgi, con cavagne pinn-e de frta e de fiori. Appenn-a l'Otton o l'ha visto quelli figgieu o s' misso a pens: Ma questi figgieu ch me fan vegn in cheu quarcsa.... Alla o l'ha domandu a-o vescovo: Sci vescovo, sci sa miga chi son questi figgieu? Me p de conoscili E o vescovo o l'ha ciammu l'Aleramo e l'Alasia e o l'ha dto: Ecco ch i seu genito. L'Otton o l'ha faeto n botto in sci carega. Perdiesann-a, ma quelli an propio seu figgia e zeu zennu! Basta, no gh'ho ci coae de soffr. Ho z pato troppo pe vitri du, e o l'ha abbrassu ttti quanti, cianzendo felie.

Doppo quarche giorno o l'ha ciammu l'Aleramo e o gh'ha dto: Gh'ho pensu. Ti t'ae sposu mae figgia e no ti peu continu a f o carbon. Visto che t' bravo a combatte, ti me daiae 'na man contra i Mi. Ma ua monta a cavallo e mettite a corr. Ttta o territio che ti arriesciae a crov in trei giorni de galoppo te l'affidi e o sai 'na Marca ch'a porti o teu nomme.

Ghe ancon chi o conta che, in te l'invexendo da corsa, o cavallo dell'Aleramo o l'agge perso un faero. L alla o l'ha ercu n maniscarco, n martello, quarcsa pe rimette a posto quello faero, ma ninte. A 'n erto punto o l'ha attrovu n mon mattone e con quello o l'ha aggistu o faero a-o cavallo. L' andaeta cosc che quella zona a l'ha piggiu o nomme de "Monferru". Monferrato - alla lettera mattone ferrato

Tornu inderr, vixin a-o monte Tirasso dove o l'a staeto pe tanti anni, l'Aleramo o l'ha fondu 'na ittae e o l'ha ciamm Arasci, da-o nomme de seu mogg Alasia. E in to stemma do Comn se vedde scort, de feua da tre, a faccia de 'na donna: a bella prinipessa che pe am a l'aiva faeto a carbonaea.

Piggiu da Divo Gori, Dario G. Martini, La Liguria e la sua anima,
4a edizione, Sabatelli, Savona, 1967 p. 107-109.

Berengario II, sbito dopo se staeto incoronu Re d'Italia, tra a fin do 950 e l'inissio do 951 o l'ha o l'ha istituo e trae Marche d'Occidente:

a marca arduinica (o torineise) che da-o territio piemonteise a s'affacciava a Vintimiggia;
a marca aleramica che da-o Po, attraverso o Monferru, a finiva in ta costa tra Albenga e Savonn-a;
a marca obertenga (o januensis) che da-a Lombardia a l'arrivava a tocc a costa tra Zena e Luni.

piggiu da Divo Gori, Dario G. Martini, La Liguria e la sua anima, V edizione, Ecig, Genova, 1985, p. 140.

Cuiositae. O ri Leron, ch'o dividde Renzen da Cogheuo, o l'a anche a linea de divixon tra a marca aleramica e a marca obertenga.

piggiu da Enciclopedia della Liguria - Tutti i comuni dalla A alla Z, Il Secolo XIX, Genova, 2000, p. 178.