A c m'aspetan
zeneise@francobampi.it
 

Intr > ...e chi i tri > Luigi Cornetto > A c m'aspetan
[ Inderr ]

Mensile di cultura, informazione e tempo libero

Dicembre 2002

A c m'aspetan, ovvero la poesia dello stocco

Luigi Cornetto, il poeta dei vicoli. Abita nei carruggi, alle spalle del grande porto, e della citt conosce ogni segreto, ogni angolo, ogni suggestione. Cos ha dedicato questa poesia ai sapori dello stoccafisso. Vero inno alla cucina tradizionale genovese.

[ Ndr, A grafia a l' quello da rivista ]

L' za mzogiorno
toul
o m'ha piggiu d'asbrio
me n'eo proprio ascordu
sacranon
ma comme se fa:
piggia questo, posa quello,
o telefono,
vanni l, vegni in sa;
con tutto sto remescio
o tempo o passa
sensa pari.

ua per
me devo destrig
a c m'aspetan,
tanto pe rescioame
m'han faeto
o stocche boggo
con tutto quello
che ghe veu.
Na tomata appenn-a strin
in te l'aegua a-o boggio,
dui spighi d aggio
na preisa de porsemmao,
euio, sa, limon
e due patatte
pe daghe ci ton,
un bon gianco de Liguria
che ben o s accompagna,
dappeu, se peu incomens.

Cae gente
che bon disn!

Traduzione. A casa m aspettano. gi mezzogiorno / eccol / mi ha preso in contropiede / me n'ero proprio dimenticato,/ accidenti / ma come si fa: / prendi questo, posa quello, / il telefono, / vai l, vieni in qua; / con tutta questa confusione / il tempo passa / senza parlare. / Adesso per / mi debbo sbrigare / a casa m aspettano, / per rincuorarmi / mi hanno fatto / lo stoccafisso bollito / con tutto ci / che ci vuole. / Un pomodoro appena scottato / nell' acqua al bollo, / due spicchi d'aglio / un pizzico di prezzemolo, / olio, sale, limone / e due patate / per dargli pi tono, / un buon bianco di Liguria / che bene si accompagna, / poi, si pu iniziare. / Cara gente / che buon desinare.

[ Inderr ]