IN TA NOVENN-A DI MORTI
zeneise@francobampi.it
 

Intr > ...e chi i tri > Giuse Casai > IN TA NOVENN-A DI MORTI
[ Inderr ]
Pagina primma ] Pagina doppo ]

No s comme me segge trov
sola, de seia in sci meu
vixin a l'rtima bitta
dove a casa dov'a nascia
a se veddeiva ttta.
A redosso de tre case intorno
anche se in to sco
a veddeivo comme fse de giorno;
no gh'ea 'na lxe da-i barcoin
ma i riveddeivo o stesso illuminae
n in sce l'tro
comme in ti tempi passae.
Affiavo i euggi
in sci gixia ci lunga
ch'a d in sci terrassin,
quella che pe rtima ho serru
quande pe l'rtima vtta
l drento i p ho psu;
quella che pe tante neutti
aveivo lasci averta
ascistendo i mae ci
quande a salte e poi a vitta
n appreuvo all'tro
aveivan persa.
Riveddeivo, anche se ci o no gh'a,
o sempre verde bers
choo faxeiva da teito
a-e colonette intramezzae
da-i vasi de geranio
da-i colori ci svariae.
Derr a-e mae spalle
e fugge d'u
cacciae da-a lnn-a neuva
in sci m
l'aexia a-e faxeiva trem,
comme e lagrime che i mae euggi
no riuscivan ci a fren,
comme a mae voxe che:
moae, poae, seu, frae!!!
a s'a missa a ciamm.
In risposta, da-a campann-a da Gexa
l' sunnu l'Ave Maria,
a novenn-a di morti
a l'a ormai z fina.

Giuse Casai

[ Inderr ]