O tranvai co-a rebella
zeneise@francobampi.it
 

Intr > ...e chi i tri > Antonio Fioravanti > O tranvai co-a rebella
[ Inderr ]

Ei mai sento parl da "rebella"? I ci ansien, intendo d quelli che han a mae etae o de ci, magari l'avian anche vista, i tri, i zoeni, penso de no.

In sci vocabolaio "Zeneize-Italian" do Casassa se lze: REBELLA: Carrozza mal in arnese che per disprezzo dicesi anche Treggia. Ma in te questo caxo, l' mgio conscider o verbo REBELL dove, sempre o Casassa o dixe: Tirarsi addietro alcuna (in to senso de "nn-a") cosa senza sollevarla da terra.

Ebben, i tranvai elettrici de votte an composti da nna motrice e da n remorchio.

Noitri semmo abituae a vedde i tranvai (a Zena ua no ghe n' ci, ma in tre ittae ghe n' ancon) che pan treni de lsso; quella votta e motrici paivan, squadrae comm'an, scatoe da scarpe con quattro reue de sotta, con due ciattaforme nn-a davanti e nn-a derr averte a tutti i venti. O guidat ch'o se ciammava "manovrat", o stava sempre in p in sce nn-a de dte ciattaforme: pe l o sedile o no gh'a (ghe l'han misso anni doppo), davanti o gh'aveiva o veddro e in basso, nna maneggia a manovella ch'o faxeiva gi in senso orizzontale e che a l'aveiva eutto scatti: o primmo o corrispondeiva a-a velocitae minima, quella pe smeuve a carrossa, e poi ci sci i tri finn-a a l'urtimo, o ci veloce, tanto che quarchedun ch'o l'aveiva sprescia o dixeiva rivolto a-o manovrat: Meistro, daeghe l'eutto, pe piaxei!

D'inverno faxeiva freido a quello posto l perch, comm'ho dto, o l'a ttto averto a-i lati; i passegg, invece, stavan drento perch gh'an due porte scorrevoli comme quelle di scompartimenti in ti treni cosc che separavan e ciattaforme da-a parte centrale da scatoa ch'a se poeiva serr. Drento a gente a s'assettava in sce due banche misse pe-o longo con o setto e o schienale a strisce de legno comme e banchinn-e di giardin cosc che se giava a schenn-a a-i barconetti co-i veddri che davan in sci stradda; i figgieu piccin se ghe inzenoggiavan giae in feua e co-o naso contra a-o veddro pe vedde mgio a stradda.

Chi voeiva chin o ciammava a fermata tiando 'na striscia de cheuio che a ghe passava de d'to a-a testa, sostegna da di anelli e che a sciortiva feua in sci ciattaforma dove gh'a o manovrat: quella a fava mesci n martelletto ch'o batteiva contro 'na campannetta: n DIN! voeiva di FERMITE, du DIN DIN! scignificava PARTI!. O segnale de ripart o dava o bigliettio perch a corsa a se pagava in vetta.

Pe avvert quarche personn-a o qualche carrett (alla gh'a pochi camion e e mere se portavan ancon co-i cri tiae da-i cavalli) che magari an distraeti e traversavan i binari sensa fa caxo a quello che ghe poeiva succede, o manovrat o dava nna pest in sce n pomello-pedale ch'o l'aveiva vixin a-i p e ch'o fava snn nna campann-a missa sott'a-o pavimento do tran: DEN! DEN! a fava.

ua, d'inverno pe-a gente andava ben cosc, ma d'estae ghe fava n cdo dell'assidero l drento, e alla ecco a "rebella".

Questa carrossa sensa motore a vegniva ti da-o tranvai che, pe f ci fto, se diva solo "tran". A no gh'aveiva teito e manco i barconetti: a l'a ttta averta, solo gh'an in sc fianchi de aste verticali de faero che n ti in sci quae gh'a steisa 'na teia verde (uso teito) che a pendeiva a-i lati co-o farbal.

E ben: l'a bello sighe in imma: se ghe stava ben a-o fresco, riparae da-o s; ma l'a anche bello pe chi l'a pe-a stradda vedde pass questa csa ch'a fava bello vedde e allegria.

Pe solito a rebella a l'a impieg in sc percorsci lunghi, saieiva di, presempio, da Moassann-a da Prou finn-a a Caricamento, da Vtri, da Pontedeximo, da Nervi... pe arriva in ittae.

O l' n bello ricordo de-a Zena ch'a s' persa in ti anni. Oua semmo marotti de sprescia, de velocitae. Capiscio: o progresso o l'ha e s esigense e se cre, se cre..., ma p che no aggimmo ci no solo o tempo de amise in go, ma anche che aggimmo perso a quae e o piaxei de godse e cse belle.

O fscia, o ma, o sai o rincianze o tempo de quand'o solo un figgieu de eutto-dexanni.

[ Inderr ]