liguria@francobampi.it

Home > Genova nella Storia > Genova italiana > Ciassa Sarsan

[ Indietro ]

Ciassa Sarzan, 'na neutte de frev
di Ernesto Pisani

O l' milleeuttoentotrentequattro.
O quattro de frev, avanti lxe.

'N'ombra a l'aranca a-a imma de 'n caroggio
arente a-e vegie case asopigi.
A fa un passo e a resata, a tende l'ogia
pe rieive da-a ciassa a voxe amiga
di atri patriti, pe d o va
a 'na solevaion ch'o veu o Mazzini.
Ma o tradimento o l' za sfto tutto.
Fermo! Altol!: un cro gh'ariva a-a schenn-a
e o mette e e a-i p de sta figa
ch'a se ritreuva in ciassa comme un l
bracu sensa speransa de sarvessa.

A l' a fin, gh' guardie dapertutto,
resta o Segn pe poei racomandse.
Ma 'na porta a descsta, e pi 'na voxe:
Fito, de chi!. Un lampo e torna o sco.
Toc! Toc! Chi l'?... Avete visto un uomo?...
Un mmo? A st'a? No emmo visto ninte!.
E passi via de corsa pe atre stradde.

La drento, in mezo a corbe de carbon,
muggi de legna, este de verda,
gh' un cheu ch'o batte ancon pe l'emoion.

St sciu zoenotto, ch'ua o ciu o l' fto!.
Ma Vo, pe mi, zug co-a vstra vitta!.
A re a dnna, e a infonde do coraggio:
Staiei chi un p de giorni, poi vedimo!
Gh' i mmi che travgian zu a-e caladde,
gh' i barchi do carbon,... stvene queto!.

Do euggi lampzan comme sciamme
a-a tremolante luxe da luma.
h, santa dnna, mi ve devo a vitta!.
L' ninte, se fa quello che se peu!
E... comme ve ciam? De donde sei?.
Giuseppe Garibaldi... e son de Nissa!.
Un bello nomme... un nomme afortonu!>

Chi diva ste parlle, quella neutte
l'a a Natalinn-a Posso de Sarsan
a quadrisava m, donna de Zena.

Ernesto Pisani
E e do s
Editrice Liguria, Varazze, 1981

Piazza Sarzano, una notte di febbraio

il milleottocentotrentaquattro. / Il quattro di febbraio, avanti giorno. / Un'ombra s'affretta alla sommit d'un vicolo / sfiorando le vecchie case assopite. / Fa un passo e sussulta, tende l'orecchio / per ricevere dalla piazza la voce amica / degli altri patrioti, per dare l'avvio / ad una sollevazione voluta dal Mazzini. / Ma il tradimento ha scompigliato tutto. / Fermo! Altol!: un grido lo raggiunge alle spalle / e mette le ali ai piedi alla persona / che si ritrova sulla piazza come un lupo / braccato senza speranza di salvezza. / la fine, ci sono guardie dovunque, / e solo Dio a cui raccomandarsi. / Ma una porta si schiude, ed una voce: / Presto, di qua!. Un lampo, e torna il buio. / Toc! Toc! Chi ?... Avete visto un uomo?"... / Un uomo? A quest'ora? Non abbiamo visto nulla!. / E passi via di corsa per altre strade. / L dentro, tra cestoni di carbone, / cataste di legna, ceste di verdura, / c' un cuore che batte ancora per l'emozione. / Animo, giovanotto, ora il peggio passato!". / Ma Voi, per me, giocate con la vostra vita!". / Sorride la donna, e infonde coraggio: / Starete qui un paio di giorni, poi vedremo! / Ho dei lavoranti alle calate, / ho le barche da carbone,... tranquillizzatevi!". / Due occhi azzurri lampeggiano come fiamme / al tremolante chiarore del lume. / h, santa donna, io vi devo la vita!". / Non nulla, si fa il possibile! / E... come vi chiamate? Da dove venite?". / Giuseppe Garibaldi... e sono di Nizza!". / Un bel nome... un nome fortunato!". / Chi diceva queste parole, quella notte / era Natalina Pozzo di Sarzano / la mia quadrisava, donna di Genova.

[ Indietro ]