liguria@francobampi.it

Home > Il Sacco di Genova: aprile 1849 > Grammatica del genovese

[ Indietro ]

Fiorenzo Toso

Grammatica del genovese

Le Mani, Recco 1997

Nella Grammatica di Toso si illustrano le regole della parlata genovese. Sapientemente Toso arricchisce la teoria con una fraseologia tratta dalla parlata corrente; in realtÓ molte frasi sono state "carpite" dallo stesso Toso durante conversazioni con parlanti in genovese, come egli stesso dichiara a pagina 14.

Il capitolo XI tratta dei verbi. A pagina 212, paragrafo 138 lettera c, la frase usata per esemplificare il tema trattato riguarda proprio la voglia di indipendenza dei Genovesi durante i moti del 1849, affermazione che, per quanto detto sopra, fa parte del linguaggio e della tradizione popolare. Precisamente Toso scrive quanto segue.

Futuro nel passato: per esprimere la nozione di posterioritÓ rispetto a un punto prospettico collocato nel passato. ╚ usato nelle narrazioni al posto del passato prossimo o remoto: ancon do 1849 Zena a šerchiÓ d'infranchţse da l'occupašion piemonteise 'ancora nel 1849 Genova tent˛ di liberarsi dall'occupazione piemontese'.

 

[ Indietro ]