I sindaci e i Savoia
liguria@francobampi.it
 

Home > Il rientro dei Savoia in Italia: 2002 > I sindaci e i Savoia
[ Indietro ]

La Stampa Sabato 21 giugno 2003
Lettere

I sindaci e i Savoia

Ho appreso con un certo stupore che i signori Savoia sono stati ricevuti dai Sindaci di Torino, Venaria e Druento, da numerosi assessori e soprintendenti, poi in Provincia e in Regione, e infine dal cardinale arcivescovo. Sono un cittadino italiano di una certa etÓ, che ha sempre pagato le tasse ed Ŕ, sino ad oggi, incensurato; mio padre ha fatto la guerra 1915-18, ne Ŕ uscito decorato, ha vissuto ed Ŕ morto da galantuomo. Fra i miei avi non ve n'Ŕ alcuno - ne sono certissimo - che abbia tradito lo Statuto Albertino, o che abbia firmato leggi razziali, e nemmeno che sia vilmente fuggito davanti al nemico. Bene, posso aspirare a ricevere un trattamento per lo meno simile a quello che Ŕ stato riservato ai suddetti signori dalle AutoritÓ della Repubblica italiana?

Eugenio Calvi, Torino

[ Indietro ]