LIGRIA IRREDENTA
liguria@francobampi.it
 

Home > Legge Rattazzi: 1859 > LIGRIA IRREDENTA
[ Indietro ]

LIGRIA IRREDENTA

DI
ALFREDO GISMONDI
(nella grafia dell'Autore)

Originale in genovese

A-o l' stta, Rattazzi, nna sciorta
d'attaccne a Lsciandra
cmme se porri f con nna mandra
ch'a se manda in s e in l secndo a ga

Ti t' lasciu invescig de balle,
se no ti no streppavi
a Zena o Leme con Voltaggio e Gavi,
n Rigorso e Arqu, n Serravalle,

Nuve, Parodi, Go co-i s marcheixi,
a Borba da-e Vignue scinn-a a Cabella;
ma chi o l' quella lingua de sciarbella
chi dto ch'n mandrogni e no zeneixi?

Oua vegni a regin: scialla Manena!
ma armeno o contentin
che a Ligria a ritrne in ti confin
de l'antiga Repbbrica de Zena!

Comni, paisettin, brghi, itt,
se ciamman ttti ligre, perde!
no avin miga battezz pe re,
che o titolo o rispnde a nna realt.

Ligri ttti, e figgi d'nna tra
ricca de gran, frta, polenta e vin,
che da-a ciann-a a rimnta l'Appennin
pe chin in mzo a-e ove a-o m ch'o-a sra.     

Co- crxe de San Zorzo in sci banda,
c Grifn prnto a f pag e offeise,
oh tra beneixa, tra zeneise!
te voemmo na, sempre ci blla e fa.

Traduzione in italiano

stata, Rattazzi, un'uscita
d'attaccarci ad Alessandria
come si potrebbe fare con una mandria
che si manda in qua e in l secondo come gira!

Ti sei lasciato infinocchiare,
altrimenti non avresti strappato
a Genova il Lemme con Voltaggio e Gavi,
n Rigoroso e Arquata, n Serravalle,

Novi, Parodi, Ovada coi suoi marchesi,
la Borbera da Vignolo fino a Cabella;
ma chi quella lingua di ciabatta
chi ha detto che sono mandrogni e non genovesi?

Ora verr la regione: allegra Maddalena!
ma almeno il contentino
che la Liguria ritorni nei confini
dell'antica Repubblica di Genova!

Comuni, paesettini, borghi, citt,
si chiamano tutti ligure, per Giove!
non li avranno mica battezzati per ridere,
che il titolo risponde a una realt.

Liguri tutti, e figli di una terra
ricca di grano, frutta, polenta e vino,
che dalla piana rimonta l'Appennino
per scendere in mezzo alle olive al mare che la chiude.

Con la croce di San Giorgio sulla bandiera,
col Grifone pronto a far pagare le offese,
oh terra benedetta, terra genovese!
ti vogliamo unita, sempre pi eccellente e fiera.

Tratto da Arv e gixe di Alfredo Gismondi, Fratelli Pagano, 1953 Genova

[ Indietro ]