liguria@francobampi.it

Home > Blocco di Genova: 1800 > Arregordo do Blocco - Ricordo del Blocco

[ Indietro ]

Arregordo do Blocco
Ricordo del Blocco

[Grafia originale]

ARREGORDO DO BLOCCO

Sonetto

Giorno, e nutte o ervello me lambicco
Per poe cap, per cse ho da se secco,
C'n muro lungo, affiu pezo che n micco,
D'n c ci verde, che no n' o festecco;

Cose me serve d'se tanto ricco
Se non posso scricch, se appenn-a lecco
Un p de broddo faeto c lambicco,
E mangio tanto, quanto peiza n stecco!

No posso passeggi, se no n'ho o bacco,
Quando me mescio ttte e osse ciocco,
E se m'assetto ammo ben cose sciacco;

Ho a testa vua, stordo comme n allocco;
Da cose mai deriva tanto acciacco?
Mae moae me concep in tempo do blocco.

Il poeta genovese Martin Piaggio (1774 - 1843)

MARTINO PIAGGIO

 
Poesia sul Blocco di Genova tratta dalla
Raccolta delle migliori poesie di Martino Piaggio, Genova, 1846

Traduzione in italiano:

RICORDO DEL BLOCCO

Sonetto

Giorno, e notte il cervello mi lambicco
Per poter capire, perch devo essere secco,
Con un muso lungo, affusolato peggio che un micco, (scimmia)
Di un colore pi verde, che non (neppure) il pistacchio;

Cosa mi serve esser tanto ricco
Se non posso crescere, se appena lecco
Un po' di brodo fatto col lambicco,
E mangio tanto, quanto pesa uno stecchino!

Non posso passeggiare, se non ho il bastone,
Quando mi muovo tutte le ossa risuonano,
E se mi siedo guardo con cura cosa schiaccio;

Ho la testa vuota, stordito come un allocco;
Da cosa mai deriva tanto acciacco?
Mia madre mi concep nel tempo del blocco.

[ Indietro ]