liguria@francobampi.it

Home > Blocco di Genova: 1800 > Stia va de 'na Gondonata e de 'n Gondon

Riporto qui un mio scritto, in genovese, relativo a un episodio accaduto durante il Blocco di Genova. Lo scritto apparso sul libretto

gundun!
a cura di Gualtiero Schiaffino
i libelluli, Genova, gennaio 2001
Feguagiskia' Studios, Via Crosa di Vergagni, 3r - 16124 Genova
Tel. 010.2510829 - Fax 010.2510838

[ traduzione in italiano ]

Stia va de 'na Gondonata
e de 'n Gondon

di Franco Bampi*

Zena a l'a 'na repubblica piccinn-a, ma ricca. A preferiva pag pe avei paxe e taere; a no gh'aiva sordatti e quande ghe servivan a i piggiava a pagamento. Pe questo i ci potenti in scio-o cian militare han faeto a-i Zeneixi un mggio de gondonate, ma de quelle cattive. E questa ch, che ve veuggio cont, a l' staeta proprio ben ben grossa.

In to 1800 o Napolion, ch'o curriva in s e in l pe l'Europa, o s'a invexendu a f a guaera in to nord dell'Italia. O generale Massena, ch'o s'a dovo reti ch a Zena, o gh'aiva lincarego de tegn impegnae Austriachi e Ingleixi pe-o ci lungo tempo poscibile. Pe questo, da-o frev do 1800 finn-a a-i primmi de zugno do maeximo anno, Zena a l'ha dovo pat quello che i libbri de stia (no guaei a d a veitae) arregordan comme "O Blocco de Zena". O l' staeto un assedio terribile e ben ben diffiile da viol, ma ben ben importante pe Napolion ch'o l' riesco a intr in Milan e a gugn a Marengo: vittie che han determinu o destin de tutta l'Europa. Pe via do Blocco, a Zena o mangi o mancava: l'a sparo da-a ittae gatti, chen, ratti e ratti pennughi. A gente a se desblava pe 'na feuggia de leituga marsa. I zeneixi ean costreiti a mangi de tutto e, comme se lze in sci-i libbri, finn-a a mangise anche tra de litri. 'Na bella gondonata, ma con morti a ro, perch tutta questa stia a no l' staeta voscia da Zena: Zena a l' staeta tiatro e vittima: Zena a l'ha solo pato con sacrifissio e dignitae a voentae de 'n foresto. E da tutto questo remescio Zena a l'avi solo da perde: e de faeti a perdi a seu secolare indipendensa in to 1815 pe-e decisioin do Congresso de Vienna.

Ma, in te quello periodo, un bello gondon, in to senso bon, o l' staeto anche o Capitan Bavastro. Nascio in scia spigia de San P dAenn-a e subito lavu da-a seu mam in te l'aequa do m, o l' staeto quello ch'o l' riesco a piggi in go e nave ingleixi do Blocco co 'na vegia gala ciamm "Prima". O Bavastro o l'ha affondu a nave ch'a bombardava Zena. Alloa trenta tre nave ingleixi se son misse a combatte contra de l e doppo un terribile scontro o Capitannio o s' sarvu cacciandose in m e vegnindo a neuo verso taera. Da quella neutte i Ingleixi han smisso de bombard Zena.

Un bello gondon pe 'na grossa gondonata!

* Vice Presidente "A Compagna"

[ inizio pagina ]

Storia vera di un tiro mancino e di una geniale trovata

Genova era una repubblica piccola, ma ricca. Preferiva pagare per ottenere pace e possedimenti: non aveva soldati e quando ne aveva bisogno li assoldava. Per questo gli stati pi potenti sul piano militare hanno giocato ai genovesi una quantit di brutti scherzi, alcuni anche molto crudeli. E questo che vi voglio raccontare stato uno dei peggiori.

Nel 1800 Napoleone, che correva in qua e in l per tutta l'Europa, si era incaponito di far guerra nel nord dell'Italia. Il generale Massena, che si era dovuto ritirare a Genova, aveva l'incarico di tenere impegnati Austriaci e Inglesi, il pi a lungo possibile. Per questo, dal febbraio del 1800 ai primi di giugno dello stesso anno, Genova ha dovuto sopportare quello che i libri di storia (non molti, a dire il vero) ricordano come "Il blocco di Genova". Si trattato di un terribile assedio e difficilissimo da violare, ma molto importante per Napoleone che nel frattempo riuscito a entrare a Milano e a vincere la battaglia di Marengo: vittorie che hanno determinato il destino dell'Europa intera. A causa dell'assedio, a Genova mancava il cibo: dalla citt erano scomparsi gatti, cani, topi e pipistrelli. La gente si contendeva una foglia di lattuga marcia. I genovesi erano costretti a mangiare qualsiasi cosa e, come si legge sui libri, persino a divorarsi l'uno con l'altro. Un tiro mancino, con morti in quantit, perch questa storia non stata voluta da Genova: Genova stata teatro e vittima. La citt ha solo patito con spirito di sacrificio e dignit le conseguenze della volont di uno straniero. E da tutto questo Genova avr soltanto da perdere, e infatti nel 1815 dovr rinunciare alla sua secolare indipendenza per decisione del Congresso di Vienna.

Ma in quello stesso periodo, un bel farabutto, in senso buono, stato anche il Capitan Bavastro. Nato sulla spiaggia di San Pier d'Arena e subito lavato da sua madre nell'acqua di mare, stato quello che riuscito a farla in barba alle navi inglesi del blocco con una vecchia galera chiamata "Prima". Bavastro riuscito ad affondare la nave che bombardava Genova. Allora trenta altre navi inglesi gli si sono rivolte contro e dopo una terribile battaglia il Capitano si salvato gettandosi in mare e raggiungendo a nuoto la riva. Da quella notte gli inglesi cessarono il bombardamento di Genova.

Una geniale trovata in risposta ad un tiro mancino.

[ inizio pagina ]